FANDOM


FFII Ritratto Borghen PSP.png Borghen: Forza, tornate al lavoro! Al lavoro, ho detto! Prima finirete più grande sarà la mia gloria!
L'articolo necessita di essere revisionato e corretto: provvedi usando il tasto Modifica.
Il Supremo.png

Il Superboss è un elemento ricorrente all'interno di numerosi videogiochi, e la saga di Final Fantasy non fa eccezione. Per superboss si intende un nemico particolare, il cui incontro è totalmente opzionale, e la cui forza supera di gran lunga quella del boss finale. Questo boss, essendo un nemico estremamente potente, richiede pesanti allenamenti e un insieme di statistiche al massimo, rappresentando in qualche modo la vera "sfida finale" del giocatore.

I superboss sono spesso affrontati dopo lunghe ed estenuanti missioni secondarie, o nascosti in dungeon lunghi e complicati. Ufficialmente presenti nella saga dal quinto capitolo, sono stati poi aggiunti nei vari remake dei primi capitoli, per la gioia dei giocatori annoiati dalla trama principale ed in cerca di soddisfazioni. Nei capitoli in cui compare più di un boss opzionale, solo quello (o quelli) con l'insieme di statistiche più alto e l'aspetto più spettacolare sono considerati superboss.

In particolare, la saga di Final Fantasy possiede alcuni superboss molto ricorrenti: Ultima Weapon, Shinryu e Omega.

Lista dei superbossModifica

Final FantasyModifica

FFI Macchina letale PSP.png

Il primo capitolo annovera un potente nemico opzionale presente già dalla primissima edizione: la macchina letale, un meccanismo bipede con statistiche praticamente pari a quelle di Khaos, è incontrabile all'ultimo piano della fortezza volante, proprio prima del cristallo dell'aria. Questo non è considerabile un autentico superboss perchè si tratta in buona sostanza di un nemico casuale molto raro, ma le sue statistiche lo rendono simile a questa categoria. Questo nemico è stato tuttavia molto ridimensionato nei remake, pur rimanendo incredibilmente difficile da eliminare.

Chronodia (completo).png

La versione Advance ha introdotto quattro nuovi dungeon, chiamati Anima del caos, ciascuno contenente quattro boss provenienti dai capitoli della saga dal terzo al sesto, per un totale di sedici boss. Tra questi, i più forti sono Omega, Shinryu e Sguardo letale.
Le versioni per PSP e seguenti hanno portato un altro superboss, chiamato Chronodia, un signore del tempo che per diventare più forte ha assorbito i poteri dei quattro demoni e di Khaos stesso.

Final Fantasy IIModifica

Deumion.png

Pur avendo molti mostri a sorpresa, il secondo capitolo non presentava un autentico superboss nella versione originale. Nelle versioni a partire da quella per PSP è stata aggiunta una serie di dungeon opzionali, nell'ultimo dei quali è possibile incontrare un uomo di nome Deumion: dopo avergli detto una parola chiave tra quelle disponibili sarà possibile sfidare la creatura invocata da Deumion, Phrekyos, le cui statistiche varieranno in base al numero di parole chiave apprese durante la storia principale. Ogni sconfitta di Phrekyos frutterà una ricompensa differente a seconda della parola rivelata allo stregone e dei livelli del Labirinto completati.

Dicendo la parola Distruzione, tuttavia, sarà Deumion stesso a scendere in campo dopo la sua bestiolina e affrontare i giocatori. Una volta sconfitto, il gruppo sarà ricompensato con la più potente magia del gioco. Per contro, dicendogli la parola Speranza e consegnandogli un oggetto di nome Luce della speranza, Deumion scomparirà lasciando al giocatore la seconda magia più potente del gioco, Risveglio.

Final Fantasy II - RinascitaModifica

FFII Ultima Weapon PSP.png

Il capitolo opzionale introdotto a partire dalla versione Advance di Final Fantasy II, presenta anch'esso una sorta di superboss: Ultima Weapon. Sebbene non sia più forte del boss finale rappresenta comunque una sfida impegnativa, al livello dell'Imperatore oscuro affrontato nel capitolo principale. La ricompensa per la sconfitta di questo boss sarà la magia suprema Ultima.

Final Fantasy IIIModifica

Gigante di ferro FFIII.png

Nelle prime versioni del gioco non esistevano veri superboss, data l'assenza di dungeon opzionali esterni alla trama. Nelle versioni DS e successive, tuttavia, è presente un dungeon opzionale semplicemente noto come "???", in cui è possibile incontrare i tre nemici comuni più forti del gioco, oltre ad incontrare il possente gigante di ferro.

Final Fantasy IVModifica

Zeromus EG.png

Nella versione originale del quarto capitolo non esistevano superboss, in quanto non esistevano dungeon opzionali o boss segreti esterni alla trama principale. Solo la successiva versione Advance e i successivi remake in 2D hanno portato un nuovo e lunghissimo dungeon, le rovine lunari, assieme agli eidolon lunari, con due nuovi e devastanti superboss: Brachioraidos e Zeromus EG, la reincarnazione di Zeromus.

Protobabil.png

Nelle versioni 3D le rovine lunari non esistevano, ma ciò non vuol dire che venissero a mancare i superboss: in questa versione sono presenti due boss del calibro di Geryon, manifestazione dell'odio dei quattro arcidiavoli elementali, e l'ancor più distruttivo Protobabil, un primo prototipo del Gigante di Babil.

Final Fantasy IV: The After YearsModifica

Ultima Weapon PSP.png

In tutte le edizioni del gioco precedenti ai remake per smartphone erano presenti ben venti boss provenienti da altri capitoli della saga, ma solo quattro sono veramente dei superboss: Omega, Shinryu, Sguardo letale (affrontabile solamente come scontro casuale) e Ultima Weapon.

Lost Babil.png

Nelle edizioni Complete Collection, Android e iOS del gioco è inoltre presente uno spettacolare superboss chiamato Lost Babil, antico prototipo fuori controllo del Gigante di Babil, che deve essere battuto in tre battaglie distinte: una contro la testa, una contro il torso e una contro il sistema di controllo. La sfida può essere raccolta parlando con Sfidaway (al modico costo di 500.000 guil) nella zona segreta dopo aver completato il gioco una volta.

Final Fantasy VModifica

FFI Omega PSP.png

Nel quinto capitolo fanno le loro prime comparse i primi e più famosi superboss della saga: gli eterni rivali Shinryu e Omega. Affrontabili entrambi nella crepa interdimensionale, il primo è nascosto in un forziere a guardia della spada Ragnarok, mentre il secondo gironzola per la grotta poco precedente, alla ricerca del primo.

Enuo.png

La versione Advance ha aggiunto un nuovo dungeon, il labirintico tempio sigillato, pieno di nuovi boss fra cui tre degni del titolo di superboss: Omega Mark II, Neo Shinryu (versioni potenziate dei due di cui prima) e la sola vera incarnazione del Nulla: lo stregone Enuo in persona.

Gogo il mimo, personaggio affrontabile nel mondo riunito in fondo alla torre di Walz affondata, è considerabile un superboss in quanto progettato per essere estremamente difficile da sconfiggere, almeno non nei modi classici... in quanto la battaglia può essere vinta non compiendo alcuna azione per circa due minuti.

Final Fantasy VIModifica

FFVI Mortifero IOS.png

Questo capitolo consacra la prima apparizione del potente nemico Ultima Weapon, che però appare qui come mostro obbligatorio per la trama. All'interno della torre di Kefka, però, è possibile affrontare una versione potenziata di Ultima: Ultima X, a guardia di un punto di salvataggio nascosto in una toilette. Ma il vero superboss, in realtà, è colui che assale le aeronavi fuggendo dopo poco tempo: il Mortifero, affrontabile come scontro casuale volando in giro con la Falcon.

Omega Weapon FFVI.png

Il nuovo dungeon della versione Advance, il covo del drago, ha portato una nuova versione potenziata degli otto draghi di Kefka, capeggiati dal Drago Kaiser. Una volta sconfitto, sarà possibile rifarsi il dungeon affrontando, nella stessa postazione del Kaiser, l'ancor più devastante Omega Weapon. Il Drago Kaiser è, inoltre, affrontabile anche al termine della lunghissima serie di combattimenti all'interno del tempio delle anime.
Anche Tyfon e Siegfried, nel World of Ruin, possono essere considerati superboss: sono infatti i nemici più potenti dell'arena Collo di drago, in grado di vincere istantaneamente "sbuffando" via un personaggio nel caso di Tyfon, utilizzando la devastante tecnica Iperturbo nel caso di Siegfried. L'unico modo di sconfiggerli è avere un personaggio di livello altissimo, con armi potentissime, statistiche altissime e la possibilità di attaccare otto volte per turno.

Nelle prime versioni esisteva, fra i dati di gioco, un superboss chiamato Drago Zar, la cui sprite è stata leggermente riadattata ed utilizzata per il drago Kaiser.

Final Fantasy VIIModifica

La versione internazionale del settimo capitolo vede come superboss due delle leggendarie Weapons risvegliate da Sephiroth: Emerald Weapon, che viaggia sott'acqua e concede venti minuti di battaglia a chiunque non abbia con sè la materia subacquea, e Ruby Weapon, che insidia le sabbie vicino al Gold Saucer, attaccando chiunque osi avvicinarsi.

Crisis Core -Final Fantasy VII-Modifica

Sebbene siano presenti numerosi boss opzionali la cui potenza supera quella del boss finale, il vero superboss della saga è Minerva, la dea tanto decantata da Genesis, raggiungibile al termine della terribile "caverna delle meraviglie".

Final Fantasy VIIIModifica

Omega (Final Fantasy VIII).png

Nell'ottavo capitolo sono presenti due superboss: il primo è Ultima Weapon, raggiungibile nelle profondità dell'isola di ricerca sottomarina. Il secondo superboss è certamente il cosiddetto "mostro più potente del castello di Artemisia": Omega. Possiede gli attacchi più devastanti del gioco, quali Megid Flame, Terra Break o ancora Lihid Zoil, di cui i primi due in grado di eliminare il party in un istante se non è ben preparato.

Final Fantasy IXModifica

Ozma.png

Il superboss più curioso dell'intera saga è quello del nono capitolo: il "pallone", ovvero Ozma, una stranissima creatura di forma sferica, residente nel chocoaeroparco (accessibile solo grazie ad un chocobo dorato). È immune agli attacchi fisici ed assorbe l'elemento oscuro, ma soddisfare le richieste dello Yan amichevole lo renderà debole ad entrambe le cose. In effetti, anche lo Yan amichevole è considerabile un superboss, in quanto ha statistiche ancora superiori a quelle di Ozma e non esiterà a dimostrarlo se provocato.

Un superboss meno potente, affrontabile nel luogo dei ricordi, è inoltre il fabbro Hades, che una volta sconfitto metterà i suoi preziosi servigi a disposizione dei giocatori.

Final Fantasy XModifica

Der Richter.png

Il più celebre superboss del decimo capitolo è il terribile Der Richter, arma definitiva di Yevon, (probabile) unione dei lunioli degli Eoni oscuri, vanto del decimo capitolo ed incubo dei giocatori. Il Giudice è infatti una imponente creatura in grado di usare il terribile Giorno del Giudizio, l'attacco più potente mai creato nella saga: 99.999 HP e 999 MP di danno standard. Anche gli stessi Eoni oscuri sono considerabili tutti superboss, fra cui vale la pena ricordare i potentissimi Dark Anima, Dark Bahamut e le Dark Sorelle Magus.
Nondimeno, lo Zoolab può creare, dopo la cattura di 10 esemplari di ogni mostro di Spira e dopo la sconfitta di tutti i campioni e prototipi, il Supremo, boss quasi paragonabile a Der Richter, in grado di causare anch'egli un sicuro game over tramite l'attacco Fine del mondo.

Final Fantasy X-2Modifica

Il discusso sequel del decimo capitolo presenta, al termine del lunghissimo dedalo segreto di Neoyevon, un superboss chiamato Trema: questo apparentemente innocuo vecchietto è in realtà il fondatore di Neoyevon e della Lega della Gioventù, ed ha una potenza tale da stendere Desolatio, l'Eone finale di Yunalesca, in pochi colpi.

Un secondo superboss, meno potente, ma non per questo meno temibile, è Angra Mainyu, una divinità sopita apparsa nell'isola Bikanel: questo boss può essere incontrato già all'inizio del gioco, ma solo nell'ultimo capitolo sarà possibile batterlo per sempre. Con l'aiuto dei dieci custodi, il gruppo sarà in grado di rendere questo enorme mostro vulnerabile.

L'edizione International del gioco, esclusiva del Giappone, presenta altri due potenti superboss: il primo è affrontabile nell'arena di Shinra, ed è lo stesso Shinra contaminato dai lunioli di Omega Weapon e diventato Super Shinra, reclutabile nel party una volta sconfitto; il secondo è il potente Major Numerus, un orrido essere di non precisa provenienza simile nell'aspetto ad un'idra con quattro teste, affrontabile sulla cima della torre Iutycyr nell'episodio Last Mission, e in seguito anche nell'arena.

Final Fantasy XIModifica

Benchè, in quanto MMORPG, Final Fantasy XI non obblighi il giocatore a percorrere la trama principale, alcuni nemici opzionali sono considerabili superboss. Poichè come per altri giochi simili (vedi World of Warcraft) la software house rilascia costantemente nuovi ambienti e contenuti per il gioco, anche i superboss potrebbero aumentare col tempo.

Nello specifico, un superboss è uno dei mostri noti più potenti di Vana'diel, ovvero la Virtù assoluta, proveniente dall'espansione Chains of Promathia. Stranissimo essere umanoide armato di lancia, può usare i comandi tipici della classe dragone e possiede un gran numero di abilità doppio-tempo. È pressochè invincibile (e tutti i trucchetti messi a punto dai fan per sconfiggerlo sono stati rimossi dalla casa), benchè possa essere sconfitto con un metodo spiegato nel 2008, tramite un video, dalla casa produttrice: il video è comunque molto vago ed impreciso, e molti fan lo hanno considerato una vera e propria presa in giro della Square.

Kirin è un altro mostro noto superboss, celebre per il richiedere come minimo una battaglia di due ore, per la sua sconfitta. Pandemonium Warden, inoltre, è un altro nemico opzionale la cui difficoltà è stata molto ridotta con degli aggiornamenti DLC, poichè richiedeva ben diciotto ore di battaglia continua, a causa di un errore che fece precipitare la già disastrosa reputazione del gioco.

Ma il più grande superboss del gioco è considerato Dynamis Lord. Boss finale dell'omonima avventura Dynamis, richiede qualcosa come un'alleanza di quaranta giocatori per essere sconfitto, oltre a strategie organizzatissime. I suoi attacchi sono, infatti, in grado di eliminare intere gilde in pochi colpi.

Altre avventure dotate di superboss opzionale sono Potenza divina, facente capo all'alleanza degli Angeli dell'Arca; Risvegliare la bestia, culminante con la battaglia contro Carbuncle Prime ed altri sei avatar celesti; Discesa del re dragone, che vanta una battaglia conclusiva contro Bahamut ed i suoi draghi.

Final Fantasy XIIModifica

Yiazmat FFXII.png

Quasi per dispetto a Der Richter, Final Fantasy XII ha portato un superboss il cui solo nome fa paura: Yiazmat, il "signor 50 milioni di HP", e non è uno scherzo. Questo super ricercato è affrontabile solo dopo aver sconfitto tutti i ricercati di classe S ed il drago demoniaco. Inoltre, nascosto nel grande cristallo di Giruvegan, esiste un superboss affrontabile solo sopo aver accettato il mandato di caccia a Yiazmat: il suo nome è Omega Mark XII, nuova versione dell'ormai celeberrimo automa aracnide, basata sulla figura dei Mimik del gioco.

Data la difficoltà dello scontro ed il loro elevato rango, anche lo stesso Drago demoniaco, il famigerato Chocobo rosso lv 99 e l'esper Zodiark sono considerabili superboss.

Final Fantasy XII: Revenant WingsModifica

YiazmatRW.png

Nella versione internazionale di questo seguito, compare una versione indebolita di Yiazmat, e per "indebolita" si intende che non ha più 50.000.000 di HP, ma che è comunque in grado di causare game over con un soffio.

Final Fantasy XIIIModifica

Nel tredicesimo capitolo compaiono diversi boss opzionali molto più potenti di alcuni boss obbligatori. Due, però, sono effettivamente considerabili superboss: il primo è Vercingetorix, l'ultimo dei Generali della morte, affrontato durante le missioni degli Omen; il secondo è il potente dinosauro Longgui, una testuggine gigante incontrabile nella pianura di Archylte, talmente potente che le sue zampe anteriori hanno ciascuna un valore di PV che supera il milione, come se non bastasse il bersaglio principale, che ne ha 16.200.000.

Final Fantasy XIII-2Modifica

Gilgamesh XIII-2.png

Nel sequel del tredicesimo capitolo, il superboss di turno è ancora una volta il possente Longgui, che vede tuttavia i propri PV pesantemente ridotti (4.160.000); assieme a lui compare Yomi, un Cie'th molto simile a Vercingetorix.
Un terzo superboss, Attila, è affrontabile nel deserto di Oerba dopo aver completato la trama principale. In grado di evocare altri Cie'th in suo supporto, la sua sconfitta frutta il maggior quantitativo di PC fra tutti i mostri del gioco: ben 25.000 PC.

Tra i numerosi boss DLC del gioco, Gilgamesh è considerabile un superboss, sia per la sua grande potenza sia per la sua elevatissima quantità di PV: ben 9.999.999 nella seconda battaglia contro di lui.
Anche Snow, altro boss DLC, rappresenta una sfida fuori dell'ordinario, per la sua capacità di causare Game Over istantaneo con Pugno fermo se attacca lo stesso bersaglio per troppo tempo. Ha inoltre lo stesso numero di PV della seconda forma di Gilgamesh.
Il boss definitivo creato per il gioco, tuttavia, è il boss finale dell'arena: Valfodr, la forma finale del giudice del tempo. I suoi PV possono andare da un minimo di 5.172.000 al livello 1 fino all'estrema quantità di 15.516.000 al livello 99, e risulta inoltre piuttosto antipatico per la sua capacità di evocare mostri come le Señorita kyactus, che lo possono curare, o i Leyak, che lo possono potenziare; in compenso sarà anche un buon bersaglio per poter ottenere i cristalli di quei mostri che il gioco normale non permetteva di riottenere una volta lasciati, come la stessa Señorita kyactus, Leyak, Kichu o addirittura Odino oscuro.

Lightning Returns: Final Fantasy XIIIModifica

Nel sequel dedicato a Lightning della Fabula Nova Crystallis appaiono due superboss: il primo è Aironet, potentissimo drago affrontato nelle dune arse. Già molto potente di base e dotato di ben 11.000.000 di PV, può averne ancora di più se affrontato sull'Arca o in un'infusione di Caos, fino ad arrivare alla soglia massima di 57.750.000 PV (affrontato sull'Arca in modalità Difficile), superando persino quelli di Yiazmat. Lo scontro contro di lui è inoltre a tempo: il boss fugge automaticamente dallo scontro dopo 178 secondi, resettando il tempo ogni volta che viene mandato in crisi, e solo se gli è inferta una crisi di livello 4 sarà possibile sconfiggerlo. Queste caratteristiche, unite ai potentissimi attacchi che può usare, fanno di Aironet il boss opzionale più potente e difficile mai creato nella saga.

Il secondo superboss del gioco è Ereshkigal, una gigantesca creatura dalla forma indescrivibile creata da Bhunivelze, affrontabile al 33° piano del dungeon opzionale meandro estremo, e solo durante il "giorno extra" (una giornata di tempo bonus ottenibile completando almeno 40 missioni secondarie).

Final Fantasy TacticsModifica

Elidibus 1.png

Il superboss effettivo del primo capitolo tattico della saga è il potente Elidibus, un eroe della guerra dei cinquant'anni che ha ottenuto il potere della costellazione del Serpentario. Incontrabile nel piano più profondo delle segrete del giuramento, la battaglia contro di lui è l'unico modo per apprendere l'invocazione Zodiark.

Un altro superboss, introdotto nel remaster The War of the Lions per PlayStation Portable del gioco, è il celebrante Bremondt Freitberg. Affrontabile nel castello di Lionel alla fine del capitolo 4, la missione permetterà di salvare Reis Duelar, rapita dal suo scagnozzo Aliste Rosenheim per estorcerle l'amore con la forza, ed il premio finale del giocatore sarà una serie di utili oggetti tra cui il Sortilége e la mazza di Zeus.

Final Fantasy Tactics A2: Grimoire of the RiftModifica

Final Fantasy Tactics A2 vede una classe di nemici, affrontabile dopo la sconfitta del Neukhia, chiamata Upsilon (nel cui livello è possibile ottenere una job speciale), che vanta anche il superboss del gioco: Magick Weapon, strana versione di Omega Weapon. Meno difficili, ma comunque molto potenti, sono i membri del clan Cinquleur, anch'essi considerati superboss. Altri superboss sono incontrati nei dungeon della luna piena, in grado di far perdere al giocatore la protezione dei giudici, se usa un'evocazione.

Dissidia Final FantasyModifica

Nel picchiaduro crossover della saga, ad essere considerato un superboss è il boss finale della storia opzionale Caos interiore, un'incarnazione di Chaos al livello 110 chiamata dai fans Chaos inverso. Il massimo livello raggiugibile da Chaos è 130, nella versione Blackjack del Colosseo dei duelli, o addirittura 255 se si hackera il gioco stesso.

Dissidia 012 Final FantasyModifica

Desperado Chaos.png

Un'altra forma del dio funge da superboss in Dissidia 012: Desperado Chaos, una versione di Chaos completamente uscita di senno, affrontabile al termine delle Confessioni del creatore al livello 130 e con più di 120.000 PV al suo attivo. Un suo manikin può essere sfidato nel portale a sud di Lufenia: è al livello 95, possiede 60.000 PV ed è molto più violento del boss reale.

Desperado Chaos funge da superboss anche nella modalità Labirinto, sempre in possesso di un accessorio in grado di alzare i suoi PV oltre i livelli standard, ad un livello di difficoltà detto "senza regole".

CuriositàModifica

  • Desperado Chaos è l'unico superboss che può essere utilizzato come personaggio giocabile, dopo averlo sconfitto. Lo stesso personaggio è anche l'unico superboss a disporre di un tema musicale personale.
  • L'antagonista principale del settimo capitolo, Sephiroth, appare come superboss nei primi due capitoli della saga di Kingdom Hearts.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale