FANDOM


Rouge
Rouge
Dati biografici
Kana ルージュ (Ruuju)
Nata Imprecisato
Dati fisici
Razza Umana
Capelli Rossi
Occhi Grigio chiaro
Personaggio di Legend of the Crystals
Informazioni
Occupazione Piratessa
Affiliazione
Elemento Fuoco
Trasporto Aeronave
Dietro le quinte
Doppiatrici
  • Fumi Hirano (giapponese)
  • Kate T. Vogt (americana)
  • Cinzia de Carolis (italiana)
Comparse
Mi chiamano Rouge, la regina dei pirati del deserto.
—Rouge si introduce ai protagonisti.

Rouge è una dei quattro protagonisti di Final Fantasy: Legend of the Crystals. Capitano di una banda di piratesse del deserto, incontra Rinari e Pritz mentre stanno viaggiando verso il Tempio del vento.

StoriaModifica

VentoModifica

Durante il viaggio di Rinari verso il tempio del vento, la ragazza e l'amico Pritz si ritrovarono inseguiti da una nave pirata, capitanata da Rouge. Vedendo che non avevano denaro con sè, la donna pensò di potersi accontentare della moto silenziosa di Pritz: era da parecchio tempo che Rouge e le sue piratesse non avevano trovato assolutamente nulla di valore da rubare, perciò qualunque cosa andava bene. I due viaggiatori rifiutarono però di collaborare e la piratessa li dovette inseguire per gli altopiani a sud di Quelb, solo per essere sorpresa da un attacco di Pritz, che si lanciò oltre il ponte della nave con la moto e lasciò loro una bomba regalo. Rouge si riparò, ma quando vide che la "bomba" non era niente più che un misero petardo, la sua ira crebbe e decise di vendicarsi di quell'insolente ragazzino.

Nella valle dei draghi, a pochi passi dal tempio del vento, Rouge riuscì a catturare, o meglio ad essere catturata da Pritz, che costrinse la ciurma ad obbedire ai suoi ordini minacciando la piratessa con la sua katana e le bombe speciali. Pritz si fece portare fino all'entrata del tempio e lasciò le bombe sulla nave cosicchè le piratesse non potessero seguirlo, impegnate com'erano nel tenerle chiuse. Rouge però non si diede per vinta e, osservando la maestosità del tempio, fu sicura che lì avrebbe trovato numerosi tesori. Decise però di scappare quando si accorse che l'incrociatore Ala d'acciaio di Tycoon si stava avvicinando al tempio.

FuocoModifica

Mentre Rinari e Pritz uscivano dalla gola, Rouge portò la sua nave al sicuro a un'altitudine tale da non essere individuata dall'Ala d'acciaio. Quando l'incrociatore atterrò e il comandante Balcus uscì per trarre i due ragazzi in arresto per il furto del cristallo, la piratessa ascoltò quanto dicevano tramite un microfono fatto calare dalla sua postazione.
Venuta a sapere del cristallo, approfittò della distrazione dei due ragazzi per coglierli di sorpresa: mentre il comandante cercava di fermare i fuggiaschi, Rouge bombardò l'area con del gas lacrimogeno, scendendo indisturbata e intrappolando Rinari, Pritz, Balcus e la moto in una rete. Schernendo Pritz per vendicarsi dell'umiliazione subita, Rouge, che sembrava conoscere anche Balcus, portò il suo prezioso bottino sull'isola di Naza Rea, dove stava la sua base.

Arrivati a destinazione, Rouge cercò di estorcere informazioni sul cristallo ai tre, ma vedendo che Pritz non solo non rispondeva, ma osava addirittura sfidarla, decise di punirlo con la più temibile e dolorosa tortura che uomo conosca: il solletico!
Mentre Pritz soffocava nelle risate causate dalla macchina di tortura, Rouge si godeva lo spettacolo, ridendo maleficamente e attirando verso di sè lo sguardo languido di Balcus, che si innamorò perdutamente di lei. Vedendo che Pritz non era comunque deciso a collaborare, decise di passare alle vere maniere forti, minacciando di spezzare il collo a Rinari con la frusta se il ragazzo non le avesse detto dove si trovasse il cristallo. Tutto ciò che ottenne, però fu solo un calcio alla schiena da Pritz, che fu subito ripagato con un pugno allo stomaco da parte di una delle scagnozze di Rouge. Impressionata dal caratterino del ragazzo, decise di rinchiudere tutti in cella.

Quando l'energia del cristallo del vento si sprigionò e liberò Mido dal suo sonno secolare, Rouge ascoltò da dietro la porta ciò che lo spirito aveva da dire, venendo a sapere che un misterioso nemico chiamato Deathgyunos cercava i cristalli per distruggere il mondo. Non se ne fece però un grosso problema: il primo obiettivo era estrarre dal corpo di Rinari il cristallo. Non valendo gran che come chirurgo, pensò di liberarla dell'ingombro facendoglielo espellere con lo sciroppo di prugne. Purtroppo però il suo piano fu nuovamente sventato da Pritz, che grazie a Balcus era riuscito ad uscire di cella. Nuovamente umiliata da un ragazzino, e infuriata per aver perso i suoi tesori per mano della sua spada, Rouge decise di fargliela pagare una volta per tutte. Lo aspettò quindi all'attracco della nave, dove sapeva si sarebbe diretto, e giurò di strappargli un brano di pelle per ogni tesoro distrutto. Balcus tentò di fare da mediatore per calmare la lite, ma improvvisamente l'esercito di Deathgyunos apparve dal nulla e attaccò i presenti.

Per togliere di mezzo quei misteriosi cyborg, Pritz decise di farsi seguire fino al deposito degli esplosivi delle piratesse, e di far esplodere tutta l'isola con loro dentro. Rouge non potè che assistere impotente all'esplosione dell'isola, che si portava i suoi sogni di gloria con essa. Balcus la consolò dicendole che era il momento di iniziare un nuovo sogno. Poco dopo, l'Ala d'acciaio individuò la nave pirata, e vedendo Balcus a bordo trasse tutti in salvo, portandoli al castello di Tycoon, al cospetto della regina Rena.

DragoModifica

StellaModifica

CuriositàModifica

  • Al contrario di Faris, di Final Fantasy V, che è l'unica donna in una ciurma di soli uomini, Rouge è capitano di una ciurma di sole donne.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale