Wikia

Final Fantasy Wiki

Bahamut

Discussione0
2 230pagine in
questa wiki
Bahamut
Bahamut Artwork Yoshitaka Amano (Final Fantasy IV)
Dati
Kana バハムート (Bahamūto)
Specialità Non-elementale
Attacco firma Megaflare
Prima comparsa Final Fantasy
Conquistatore dei cieli, Bahamut è noto con vari nomi: Re dragone, Divino creatore, Sire supremo.
—Evocacompendio

Bahamut è uno spirito d'invocazione ricorrente nella saga di Final Fantasy, e uno dei più popolari mai apparsi in tutta la serie. Conosciuto come il più potente tra tutti i draghi, è solitamente una delle più potenti invocazioni accessibili ai giocatori, se non la più potente in assoluto, e dispone di un potente attacco chiamato Megaflare, che infligge pesantissimi danni ignorando spesso tutte le difese.

Assieme a Ifrit e Shiva, Bahamut è apparso in tutti i capitoli della saga, ma nel suo caso anche da prima che esistesse il concetto di invocazione: è infatti presente nella serie già dal primo capitolo, in cui aveva un ruolo da personaggio secondario, il che lo rende lo spirito d'invocazione apparso più volte in assoluto. Come per le altre invocazioni ricorrenti, l'aspetto di Bahamut cambia da gioco a gioco, ogni volta diventando sempre più maestoso.

ProfiloModifica

Bahamut è sempre rappresentato come un enorme e potente drago, con grandi ali e una postura eretta in modo da apparire ancora più imponente. In quasi tutte le sue apparizioni, entra in scena comparendo dal cielo o addirittura dallo spazio.
Nella maggior parte delle sue apparizioni, Bahamut è di colore grigio, e solitamente ha anche grandi corna sulla testa e spine lungo il collo e la schiena. Il suo Megaflare, simile a un raggio laser, è lanciato direttamente dalla sua bocca. Nei capitoli più recenti, Bahamut è anche in grado di attaccare fisicamente con i suoi artigli.

Bahamut è una delle poche invocazioni che hanno una specie di storia passata, sebbene le informazioni su di essa tra un gioco e l'altro non siano sempre le stesse: gli sono stati affibbiati numerosi epiteti, il più comune dei quali è "il re dei draghi". Di lui si sa che è considerato un'autorità superiore tra le invocazioni, e in alcuni capitoli è addirittura il loro dio. In alcuni titoli, inoltre, Bahamut è contrapposto a Tiamath, regina dei draghi demoniaci, oppure ha una variante chiamata Bahamut oscuro. Nella Compilation di Final Fantasy VII, invece, esistono diverse varietà di Bahamut, ognuna sempre più potente e con un attacco finale diverso: Neo Bahamut con Gigaflare, Bahamut ZERO con Teraflare, Bahamut SIN con Tremorflare e Bahamut Furia con Esafusione.
Fino al quinto capitolo della serie, Bahamut non aveva rivali nel campo delle invocazioni e il suo attacco era il più potente nel gioco; a partire dal sesto capitolo, pur rimanendo tra le invocazioni più forti, ha perso questo primato. In compenso, in diversi titoli ha comunque un ruolo di spicco fra le invocazioni, occasionalmente di importanza cruciale nella trama. Generalmente, gli avventurieri devono misurarsi con Bahamut per mostrarsi degni di poterlo invocare. Altre volte, anche se piuttosto raramente, il giocatore dovrà passare sul cadavere di un altro boss per ottenere Bahamut.

ComparseModifica

Final FantasyModifica

BahamutFFI
Articolo principale: Bahamut (Final Fantasy)

La primissima apparizione di Bahamut avviene nel primo capitolo della saga, dove ovviamente non è un'invocazione. Qui ricopre solamente il ruolo di sovrano dei draghi, ed è possibile incontrarlo nelle grotte del drago.
Qui, Bahamut appare come un drago più grande degli altri, di colore violaceo e marrone, e con la parte interna delle ali rossa.

Parlare con Bahamut non è obbligatorio nella trama, ma è fortemente consigliato, in quanto grazie a lui si potrà ricevere il potenziamento delle classi dei personaggi giocabili. Perché ciò accada, tuttavia, sarà necessario anche recuperare la coda di topo nel tempio dei cimenti e poi mostrarla a Bahamut.

Final Fantasy IIIModifica

Bahamut (FFIII)
Draghetto
Articolo principale: Bahamut (Final Fantasy III)

Bahamut compare ufficialmente in questo capitolo, sia come invocazione, sia come boss da battere. Inizialmente, appare come boss verso l'inizio del gioco sul picco del dragone, dove i guerrieri della luce si sono imbattuti per sbaglio nel suo nido mentre cercavano Desch. In questa fase non può essere sconfitto, se non attraverso i codici, e il party deve scappare obbligatoriamente da lui. Più avanti nel gioco, dopo aver ottenuto l'Invincibile, si potrà raggiungerlo e sconfiggerlo nell'antro di Bahamut.
Il suo design in questo gioco lo mostra come un enorme drago alato, con la pelle grigia e verde acqua. Un nemico comune del gioco, il drago, ha lo stesso aspetto di Bahamut, ma di colore bluastro.

Bahamut è un'invocazione di livello 8, è di tipo non-elementale e si invoca tramite l'incantesimo Bahamur, ottenuto solamente dopo la sua sconfitta. A seconda della classe usata per invocarlo, ha un diverso limite di invocazioni, e può usare uno fra tre attacchi:

  • Aura: attiva Fretta a tutto il gruppo.
  • Lacerazione: morte istantanea a un nemico.
  • Mega Vampalia: danno non-elementale a tutti nemici.

Final Fantasy IVModifica

BahamutIVDS
Articolo principale: Bahamut (Final Fantasy IV)
Superiore al re degli Eidolon è il divino creatore che dall'alto protegge i suoi figli. Di inaudita forza, non conosce sconfitta. Solo il cavaliere che domina i cieli potrà sottometterlo.
—Descrizione

Bahamut è uno degli Eidolon presenti nel gioco, e anche qui è necessario sconfiggerlo per poterlo invocare. Il giocatore lo può incontrare in fondo all'antro del divino, una location opzionale situata sulla luna, ma per poterlo sfidare sarà necessario aver già ottenuto Leviatano. Esiste inoltre un boss chiamato Bahamut oscuro, che appare nella gola lunare a guardia della spada Ragnarok. Nei remake per GBA e PSP, infine, il giocatore potrà cimentarsi in uno scontro con Bahamut lunare al termine della prova di Cain nelle rovine lunari.
Il design di Bahamut varia in base alla versione del gioco: nelle versioni in 2D, è identico all'incarnazione di Final Fantasy III, ma di colore bluastro, mentre nei remake in 3D ha un aspetto leggermente più possente, la testa più piccola, ali più grandi e due spuntoni sulle spalle. In questo gioco è presente anche la forma umana di Bahamut, mostrata come un uomo dai capelli biondi, con un lungo abito grigio e una corona.

Bahamut richiede 60 PM per essere invocato nelle versioni 2D del gioco, e 99 in quelle 3D, ha tempo di caricamento 3 e il suo attacco Megavampalia causa pesantissimi danni di tipo non-elementale ai nemici.

InterludioModifica

Articolo principale: Bahamut (Interludio)

Bahamut riappare in questo capitolo speciale della versione per PSP, con le stesse caratteristiche che possedeva nel gioco originale.
Invocato dalla falsa Rydia contro il party, è riportato alla ragione dall'invocazione del drago della nebbia da parte di Rydia, e la ragazza può nuovamente utilizzarlo per tutto il resto della battaglia.

Final Fantasy IV: The After YearsModifica

BahamutFFIV PSP
Articolo principale: Bahamut (The After Years)

Bahamut ritorna nuovamente nel seguito ufficiale del quarto capitolo, di nuovo con caratteristiche sostanzialmente invariate. Nell'edizione per IOS e Android del gioco, compare anche Bahamut lunare come boss opzionale.
Inizialmente, la ragazza misteriosa acquisisce il controllo su di lui come sugli altri Eidolon, e lo usa per invadere il regno di Baron e sconfiggere Cecil. In seguito, durante la storia finale, sarà possibile affrontarlo e riportarlo alla ragione. Per poterlo riavere come invocazione sarà necessario aver ottenuto Leviatano precedentemente, altrimenti sarà obbligatorio ucciderlo definitivamente. Inoltre, la battaglia non può nemmeno essere vinta senza Rydia in squadra.

Final Fantasy VModifica

Bahamut Final Fantasy V Boss iOS
Articolo principale: Bahamut (Final Fantasy V)

Bahamut compare in questo gioco come invocazione accessibile ai giocatori e come boss da battere. Originariamente appare come una grande penisola a forma di drago nel mondo di Bartz, dove appare il portale per il mondo di Galuf, ma dopo aver ottenuto una delle tavole che sbloccano i sigilli sulle armi sigillate, può essere incontrato e affrontato sul monte Nord.
Il suo aspetto in questo gioco lo vede tornato allo stile di Final Fantasy III, ma è di colore grigio caldo e l'interno delle sue ali ha un aspetto luminoso.

Bahamut è un'invocazione di livello 5, richiede 66 PM per essere invocato e il suo attacco Megavampalia infligge pesanti danni non-elementali a tutti i nemici.

Final Fantasy VIModifica

Bahamut FFVI

Bahamut è uno degli Esper presenti nel gioco e, per la prima volta, non appare come boss. Può essere ottenuto nel mondo in rovina, sconfiggendo il boss opzionale Mortifero sull'aeronave. Può occasionalmente apparire anche attraverso l'abilità Slot di Setzer, se compaiono tre simboli drago come risultato.
In questo gioco, il design di Bahamut è abbastanza simile a quello del capitolo precedente, ma è più scuro e compatto, ha il collo più corto e le ali più grandi. A partire da questo capitolo, inoltre, Bahamut perde il primato di invocazione più potente del gioco.

Bahamut richiede 86 PM per essere invocato, ha potenza 92 e il suo attacco Megafusione causa danni non-elementali impossibili da bloccare a tutti i nemici. Bahamut insegna inoltre le seguenti abilità:

  • Fusione x2.
  • Ad aumento di livello, HP +50%

Final Fantasy VIIModifica

Bahamut ff7

Bahamut appare nuovamente come invocazione in questo capitolo, assieme alle sue forme più potenti, Neo Bahamut e Bahamut ZERO. La materia invocazione necessaria per invocarlo è ottenuta nel tempio degli Antichi dopo che il gruppo ha sconfitto il drago rosso, ma può essere persa per sempre se non è raccolta proprio in quel momento. Bahamut era inoltre una delle invocazioni presenti nella demo per PC del gioco.
Il design di Bahamut in questo gioco è nuovamente molto simile a quello del titolo precedente, l'unica differenza è rappresentata dai tre artigli all'articolazione delle ali.

La materia di Bahamut può essere associata a un'arma o una protezione, e permette di evocarlo in battaglia per 100 MP. L'attacco Megaflare infligge danni non-elementali pari a 4,0625 volte il danno magico di base.

Statistiche Livello 2 Livello 3 Livello 4 Master
AP 20000 50000 80000 120000
Modifiche Magic +1, Magic Def. +1, Max HP-5%, Max MP+5%

Before Crisis -Final Fantasy VII-Modifica

La materia invocazione di Bahamut ricompare in questo spin-off. Il suo attacco Megaflare infligge danni non-elementali ai nemici.

Crisis Core -Final Fantasy VII-Modifica

FFVIICC summon Bahamut
Articolo principale: Bahamut (Crisis Core)

Bahamut ricompare in questo capitolo come boss e invocazione, e assieme a lui compare anche la sua versione potenziata Bahamut Furia. È inizialmente invocato da Genesis contro Zack a Banora, durante il capitolo 2, e in seguito è possibile affrontarlo nuovamente nella missione 8-1-4, la cui ricompensa sarà proprio la materia che permetterà di invocarlo attraverso l'OMD. Una versione potenziata di Bahamut è l'Esperimento N. 113 (missione 5-3-1).
L'aspetto di Bahamut è molto più dettagliato rispetto al gioco originale, e appare quasi meccanico nel suo insieme. Il suo corpo è visibilmente segmentato, ha enormi artigli, parti di armatura e diversi spuntoni sulla coda.

Quando è invocato tramite l'OMD, Bahamut usa l'attacco Megafusione e infligge danni a tutti i nemici. La forza dell'attacco varia in base al livello dell'invocazione.

Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 Livello 5
58 62 66 70 84

Final Fantasy VIIIModifica

GF Bahamut
Articolo principale: Bahamut (Final Fantasy VIII)

Bahamut appare in questo capitolo come Guardian Force e boss opzionale. Il giocatore lo può incontrare all'entrata dell'isola di ricerca sottomarina, dopo aver risolto un piccolo enigma, e sconfiggendolo otterrà la possibilità di invocarlo. Bahamut parla durante il combattimento ed esprime il suo serio timore per gli esseri umani che bramano il suo potere. Come per le altre invocazioni, ottenerlo sbloccherà un trofeo dedicato nell'edizione PC del gioco uscita nel 2013.
L'aspetto di Bahamut in questo gioco è grosso modo simile a quello del gioco precedente, ma presenta alcune differenze, come gli enormi spallacci, e inoltre è di colore grigio scuro con l'interno delle ali di colore rosso.

L'attacco Megaflare di Bahamut è di tipo non-elementale, e danneggia il gruppo nemico ignorando la statistica di Spirito. La durata dell'animazione d'attacco è di 22,1 secondi, e ciò permette di portare il danno tramite la carica di supporto ad un massimo del 230% del danno normale.

Il danno è calcolato in questa maniera:

Danno = 70 * Livello / 10 + 55 + 30
Danno = Danno * (265) / 8
Danno = Danno * 55 / 256
Danno = Danno * Supporto / 100
Danno = Danno * (100 + MagInvocate) / 100
Compatibilità
Effetto Bahamut +20, tutti gli altri G.F. -1,6
Oggetti Monolite +3,2 (-1,6 per gli altri), Love Love G +20,2
Magie Apocalypse +0,2, Flare +0,2, Sancta +0,2, Meteor +0,2, Quake +0,2, Tornado +0,2, Ultima +0,2

AbilitàModifica

Abilità AP Prerequisiti Abilità AP Prerequisiti
FFVIII Junction ability icon Abilità x4 Completo! FFVIII Party ability icon Oggetti rari 250 Nessuno
FFVIII Command ability icon Magia Completo! FFVIII GF ability icon MagInvocate +10% 40 Nessuno
FFVIII Command ability icon G.F. Completo! FFVIII GF ability icon MagInvocate +20% 70 MagInvocate +10%
FFVIII Command ability icon Assimila Completo! FFVIII GF ability icon MagInvocate +30% 140 MagInvocate +20%
FFVIII Command ability icon Oggetti Completo! FFVIII GF ability icon MagInvocate +40% 200 MagInvocate +30%
FFVIII Character ability icon FRZ +60% Completo! FFVIII GF ability icon G.F. HP +10% 40 Nessuno
FFVIII Character ability icon MAG +60% Completo! FFVIII GF ability icon G.F. HP +20% 70 G.F. HP +10%
FFVIII Character ability icon Ruba 200 Nessuno FFVIII GF ability icon G.F. HP +30% 140 G.F. HP +20%
FFVIII Character ability icon Via x l'Energia 200 Nessuno FFVIII GF ability icon G.F. HP +40% 200 G.F. HP +30%
FFVIII Character ability iconAutoprotect 250 Nessuno FFVIII Menu ability icon Supporto 10 Nessuno
FFVIII Character ability icon Deduplica 250 Nessuno FFVIII Menu ability icon Elb Mag Proibite Completo!

Final Fantasy IXModifica

Bahamut FFIX

Bahamut è uno degli spiriti d'invocazione accessibili a Daga, e per la prima volta ha un ruolo importante nella trama. Benché tecnicamente sia utilizzabile già dal momento in cui la ragazza entra in squadra, il livello iniziale di MP non lo permette. In seguito è estratto dalla ragazza assieme agli altri spiriti, ed è invocato dalla regina Brahne durante lo scontro con Kuja vicino all'albero di Iifa; dopo essere stato a malapena scalfito dall'attacco del drago, Kuja prende il controllo di Bahamut e lo evoca poco più tardi per attaccare Alexandria, ma è sconfitto in un solo colpo dallo spirito supremo Alexander. In seguito, Daga potrà invocarlo tornando ad Alexandria e parlando con Beatrix.
Il design di Bahamut in questo capitolo subisce per la prima volta un cambiamento drastico: ora appare molto più snello, di colore bruno violaceo con la pancia gialla e le ali viola, possiede enormi artigli e grandi corna che gli coprono gli occhi.

All'inizio del gioco, Bahamut richiede 224 MP per essere invocato, ma quando è riottenuto ne richiede solamente 56. È appreso attraverso la gemma Granata per 80 AP, e il suo attacco Megaflare infligge danni non-elementali a tutti i nemici. La potenza base di Megaflare ammonta a 77 durante l'animazione breve, mentre con animazione lunga aumenta a 88 più il numero di granate presenti nell'inventario.

Final Fantasy XModifica

FFX Bahamuth
Articolo principale: Bahamut (Final Fantasy X)

Bahamut appare in questo capitolo come uno degli Eoni disponibili, e anche qui ha un ruolo fondamentale nella trama. Ultimo Eone obbligatorio per la trama, è ottenuto nel tempio di San Bevelle, dove Yuna si nasconde dopo essere sfuggita ai templari. Il suo intercessore, in realtà, appare già nei primi minuti di gioco, e guida Tidus durante l'avventura apparendo davanti a lui e Yuna in diverse occasioni. Bahamut può essere affrontato negli scontri con Belgemine, quante volte si vuole, e una sua versione oscura chiamata Dark Bahamut appare nella parte più interna del duomo di Zanarkand, se lo si visita dopo aver sconfitto Yunalesca. L'invocatore Isaaru, inoltre, invocherà in battaglia il suo Bahamut Tsurugi durante lo scontro con lui nella via Purificatio.
In questo capitolo, Bahamut ha quello che forse è l'aspetto più iconico e riconoscibile dell'intera saga: ora è di colore blu scuro, ricco di dettagli, con grandi ali coperte di grandi piume rosse e un enorme cerchio che rotea dietro di lui. Il suo intercessore ha l'aspetto di un ragazzino dalla pelle scura, con un cappuccio blu dietro il quale è disegnato lo stesso cerchio che compare nella sua forma di Eone. Il simbolo di Bahamut, visibile quando è evocato, è indicato con il kanji , hikari, che significa "Luce".

Come gli altri Eoni, Bahamut è controllabile in battaglia una volta evocato, e dispone di un attacco speciale e di una Turbotecnica. Il suo attacco speciale è Istinto, che infligge danni non-elementali a tutti i nemici. La sua turbotecnica è Megaflare, che infligge pesantissimi danni non-elementali al gruppo nemico. Bahamut funziona bene sia come attaccante fisico, sia come attaccante magico, ha ottime statistiche globali e dispone già da subito della capacità di sfondare il limite di danno.

Final Fantasy X-2Modifica

BahamutX2
Articolo principale: Bahamut (Final Fantasy X-2)

Bahamut ricompare nel seguito di Final Fantasy X, ma questa volta solamente come boss da battere. Caduto sotto il controllo del non-trapassato Shuyin, appare nei sotterranei di Bevelle nel luogo in cui si trovava Vegnagun. Yuna cerca di riportarlo alla ragione, ma si ritrova costretta a sconfiggerlo. Il suo intercessore compare nuovamente nella trama, e ha un ruolo fondamentale nelle ultime fasi del gioco. Nell'edizione per PS3 del gioco, Bahamut può anche essere affrontato nella coppa Eone dell'Arena di Shinra, ma deve essere prima sbloccato portando al livello massimo un Azi Dahaka.
Il design di Bahamut è qui basato sulla versione oscura apparsa nel gioco precedente, quindi di colore nero-verdastro con le piume bianche e blu e il cerchio dietro la schiena color sangue.

Final Fantasy XIModifica

Bahamut (FFXI)

Bahamut è uno dei cinque Avatar terrestri di Vana'diel, introdotto a partire dall'espansione Chains of Promathia e finora non disponibile come invocazione, ma solo come boss opzionale.
Sovrano dei draghi, Bahamut appare per avvertire i popoli di Vana'diel della minaccia del "nulla" e dell'imminente arrivo dell'apocalisse. Durante la storia, la sua strada si incrocia con quella del giocatore, che assieme a Prishe e Ulmia sta indagando su alcuni misteriosi eventi nella zona di Capo Riverne. In seguito, dopo un incontro con Selh'teus che mette in dubbio la certezza delle parole di Bahamut, il giocatore incontra nuovamente il re dei draghi per conoscere la verità. Questi però si limita a deridere gli umani per la loro "incompletezza" e gli scaglia contro il suo servo drago Ouryu. Nonostante la sconfitta del drago, Bahamut rifiuta di dare spiegazioni, rivelando semplicemente che, tempo addietro, aveva fatto un patto con un giovane in caso dovesse arrivare l'emissario dell'apocalisse, e che il tempo era arrivato. Bahamut, successivamente, lascia il giocatore con un avvertimento: "Figli dell'alba, la vostra fine è vicina!"
Dopo questi eventi, è resa disponibile la missione "Discesa del re dragone", in cui sarà possibile, per un gruppo ben allenato, affrontare Bahamut in combattimento.
Il design di Bahamut in questo gioco è basato principalmente sulle sue incarnazioni classiche, ma sembra aver fatto anche da ispirazione per il suo aspetto nel remake per Nintendo DS di Final Fantasy IV, in quanto è molto simile a quella versione. Bahamut è anche il nome di uno dei server di gioco.

Final Fantasy XIIModifica

L'unico capitolo della saga regolare in cui Bahamut non compare direttamente è il dodicesimo, come accade a tutte le altre invocazioni classiche. Il nome Bahamut è invece usato per indicare la più potente e maestosa meraviglia tecnologica in possesso dell'Impero di Archadia: la fortezza aerea Bahamut, che funge anche da dungeon finale di Final Fantasy XII.
Esistono comunque altre citazioni a Bahamut nel gioco: il boss finale Vayne assume un aspetto che ricorda molto il re dei draghi nella sua forma di Imperitur, e tra i suoi attacchi figurano Megaflare, Spada Gigaflare e Teraflare. L'Esper Adrammelech sembra essere ispirato anch'egli a Bahamut, se non altro per l'aspetto fisico.

Final Fantasy XII: Revenant WingsModifica

BahamutRW
Articolo principale: Bahamut (Revenant Wings)
Despota con ali di tenebra che riportano tutto al nulla.
—Descrizione

Bahamut appare ufficialmente in questo capitolo come Esper non-elementale. Viene invocato per la prima volta dal Giudice alato per distruggere la parte est del continente di Lemures, ed è affrontato nuovamente nel Castello del tempo perduto, dove è anche sbloccato. Riappare in seguito anche nelle segrete del giuramento.
Il suo design è qui piuttosto appariscente, e per certi versi simile alla versione di Final Fantasy X: appare come un drago verde e marrone protetto da un'armatura bianca e armato di una pesante lancia. La versione invocata dai nemici ha l'armatura viola e il corpo verde scuro. La sua descrizione rimanda a due Esper del gioco precedente, Adrammelech e Zeromus, entrambi assenti in questo seguito.

Bahamut è un Esper di livello 3, che attacca dall'alto. Dispone di due potenti attacchi: Grinfia di Bahamut, che causa danni ai nemici vicini, e Megaflare, che causa massicci danni non-elementali e lo status Inabilità.

Final Fantasy XIIIModifica

Bahamut29
Articolo principale: Bahamut (Final Fantasy XIII)

In questo capitolo, Bahamut è uno degli Esper presenti nel gioco. Per la precisione, si tratta dell'Esper di Fang, che otterrà la capacità di invocarlo dopo avergli mostrato il suo valore nella quinta arca, e si rivelerà molto utile per i protagonisti grazie alla sua capacità di volare.
Il design di Bahamut in questa incarnazione, dalla colorazione dai toni neri e viola, è decisamente diverso dal solito: ora è privo di ali, ha un aspetto più antropomorfo ed enormi artigli rosso vivo. In modalità Gestalt, assume le sembianze di un drago dalle enormi ali e attacca i nemici dall'alto con ogni sorta di arma da fuoco.

In battaglia, Bahamut sferra potenti e veloci attacchi non-elementali, ed è in grado di infliggere un gran numero di PV di danno senza problemi. La sua barra Gestalt si riempie più facilmente se Fang infligge status negativi ai nemici, ma considerato che il suo tempo di permanenza in campo è piuttosto breve comparato agli altri Esper, è consigliabile sfruttare anche ruoli come quello della sentinella per aumentare ulteriormente la sua barra Gestalt. Passando in modalità Gestalt, Bahamut diventa estremamente potente e, se il nemico è in crisi, potrebbe causare senza problemi oltre 99999 PV di danno con l'attacco Megavampalia.

Final Fantasy XIII-2Modifica

Bahamut ritorna in questo seguito, ed è l'Esper che appare più volte in tutto il gioco. È invocato da Lightning durante il prologo del gioco per salvare Noel dall'attacco dell'antagonista Caius Ballad. Una potente versione malvagia di questo Esper, chiamata Bahamut caos, è invocata più volte da Caius, che si trasforma direttamente in esso: la prima volta, è affrontato da Lightning e Odino nel prologo del gioco, la seconda da Serah e Noel, e la terza durante il DLC "Il requiem della dea", dove Caius si trasforma in esso se è sconfitto da Lightning a un livello superiore al 6. Il boss finale del gioco è inoltre una forma decisamente più classica di Bahamut, chiamata Bahamut Fluctuo: questa versione può richiamare al proprio fianco due suoi simili, Bahamut Ratio e Bahamut Imper, grazie ai quali può potenziare la sua tecnica finale fino a Esafusione.
Il Bahamut invocato da Lightning è uguale a quello di Fang, ma di colore bianco e verde; Bahamut caos è invece nero e grigio, è più grosso del Bahamut normale e ha le ali di forma diversa. Bahamut Fluctuo appare invece come un drago più classico di colore viola, ma con quattro braccia e caratteristiche fisiche che rimandano all'aspetto di Caius, oltre a una lunga coda a serpentina; Bahamut Imper e Bahamut Ratio sono quasi uguali a lui, ma presentano alcune piccole differenze di design, e sono rispettivamente di colore rosso e giallo.

Lightning Returns: Final Fantasy XIIIModifica

Bahamut ricompare un'ultima volta nel capitolo conclusivo della saga di Lightning. Appare in soccorso della protagonista durante lo scontro finale con Bhunivelze. Dopo la sconfitta del boss finale, Bahamut dà un ultimo saluto e scompare per sempre nel flusso di anime, poiché gli Esper non possono esistere nel nuovo mondo. Bahamut caos fa anche una piccola apparizione: sebbene Caius non possa più trasformarsi in esso, può ancora chiamarlo a sé per eseguire Megavampalia.

Final Fantasy XIVModifica

Bahamut FFXIV

In questo capitolo, Bahamut è uno dei Primal. Sigillato per secoli nella luna artificiale Dalamud, si è liberato alla fine della Settima Era Umbrale, che coincide con il finale e la chiusura definitiva della versione originale di Final Fantasy XIV in attesa della nuova versione A Realm Reborn. In quest'ultima versione, un evento speciale con Lightning protagonista permette di affrontare l'incarnazione di Bahamut di Final Fantasy XIII.
Ignoto alla popolazione di Eorzea, Bahamut era stato imprigionato dentro Dalamud dall'antica civiltà di Allag. Tuttavia, il generale imperiale Nael Van Darnus, uno dei pochi a conoscenza della vera natura di Dalamud, progetta di far schiantare il satellite su Eorzea per distruggere i Primal e il resto degli abitanti. Nonostante la sconfitta di Nael, Dalamud continua la sua discesa finché Bahamut non si libera e dà inizio alla Settima Era Umbrale. Per scongiurare il pericolo, Louisoix cerca di sigillare nuovamente Bahamut in un nuovo satellite artificiale, ma il drago si libera prima del previsto e lancia un Megaflare tanto potente da terraformare Eorzea, cosa che ha dato ai programmatori una scusa conveniente per ridisegnare completamente le mappe di gioco. Dopo quell'evento, Bahamut è scomparso, e solo i futuri update del gioco potranno decidere quando riapparirà.
Il design di Bahamut in questo gioco appare molto più massiccio che in qualunque altra sua apparizione, e ha una colorazione che tende al giallo e al nero.

Final Fantasy TacticsModifica

Bahamut appare in questo gioco come una delle invocazioni accessibili alla classe dell'invocatore. Durante l'invocazione, nella versione originale del gioco, l'invocatore potrebbe evocarlo dicendo: "Brucia con la fiamma del drago! BAHAMUT!"
In questo gioco, Bahamut ha un aspetto che rimanda alle incarnazioni classiche.

Bahamut può essere appreso per 1200 JP, richiede 60 MP per essere invocato, ha 10 di velocità e infligge danni non-elementali in una vasta area. Esiste inoltre una possibilità del 20% che Bahamut sia appreso da un invocatore che sostenga il suo attacco senza essere sconfitto.

Final Fantasy Type-0Modifica

BahamutType0

Bahamut appare in questo gioco come una tipologia di invocazioni accessibile al giocatore. Come per le altre invocazioni, ne esistono diverse varianti, ognuna con i propri parametri e abilità. Un Bahamut viene invocato dai soldati dell'accademia per difendersi dall'esercito di Milites durante l'invasione. La superiorità del drago gli permette di abbattere alcune aeronavi, ma con la distruzione del cristallo da parte della macchina speciale di Cid, egli è abbattuto da numerosi colpi di cannone, per essere più tardi curato da alcuni studenti dell'accademia. Altri gruppi di Bahamut supportano i personaggi durante la battaglia contro l'esercito di Milites.
Il design di Bahamut è sostanzialmente identico a quello apparso in Crisis Core -Final Fantasy VII-, ma è molto più dettagliato, il suo schema di colori è più tendente al rosso e presenta decorazioni simili a ingranaggi, tema ricorrente nel gioco.

Questa versione di Bahamut è in grado di combinare potenti cariche fisiche ai vari livelli della mossa Megaflare. Tra i modelli disponibili sono presenti:

  • Bahamut - ottime statistiche, utile contro tutti i nemici.
  • Bahamut-K - molto più grande e non adatto a tutti gli scenari, statistiche complessivamente altissime, specializzato nell'uso di Gigaflare.
  • Bahamut-0 - il modello definitivo, invocato da Arecia Al-Rashia per supportare i membri della classe Zero contro Shinryu Celestia. Questo Bahamut dispone di una spettacolare versione di Teraflare che prevede la comparsa di decine di altri Bahamut sul campo.

Bravely DefaultModifica

Articolo principale: Bahamut (Bravely Default)

La più singolare apparizione di Bahamut avviene in questo spin-off della serie. Durante il capitolo 7, i protagonisti possono affrontare nuovamente Ominas Crowe in una battaglia divisa in due fasi: nella prima, il mago nero chiamerà in suo soccorso il suo famiglio Bahamut, che rappresenterà tuttavia un fastidio minimo per il gruppo.
Questo Bahamut, piuttosto paffuto e capace di attaccare con Pico-flare, non è altro che un D'gon del fuoco più potente del normale.

Final Fantasy DimensionsModifica

Articolo principale: Bahamut (Dimensions)

Bahamut appare in questo gioco come invocazione e boss da battere. Può essere affrontato nella montagna del divino, accessibile tramite un passaggio creato da Nil Vata, e sconfiggerlo permetterà di invocarlo.
L'aspetto di Bahamut è basilarmente simile alle incarnazioni classiche, senza troppe differenze.

Bahamut è l'invocazione finale, richiede 78 MP per essere invocato, e il suo attacco Megaflare causa danni non-elementali a tutti i nemici sul campo. Bahamut può anche essere combinato con la magia Flare per ottenere l'abilità Gigaflare.

Dissidia Final FantasyModifica

Bahamut compare come evocagemma nel picchiaduro crossover per PSP. Come per molte altre evocazioni, è disponibile in due versioni, entrambe rintracciabili nella storia Odissea del destino VIII. La prima versione, rappresentata dalla sua incarnazione di Final Fantasy X, entra in azione automaticamente quando l'Audacia dell'invocatore raggiunge metà del livello iniziale; la seconda, rappresentata dall'incarnazione di Final Fantasy III può essere attivata in qualunque momento.
Quando è evocato, Bahamut usa Aura, con cui aumenta progressivamente l'Audacia dell'utilizzatore di 20 unità (versione automatica) o 40 unità (versione manuale) per un breve tempo, il che rende la versione manuale una delle evocazioni più utili: usarlo quando si possiede un livello di Audacia piuttosto alto aumenterà decisamente i danni PV inferti.

Dissidia 012 Final FantasyModifica

Bahamut ricompare in questo prequel con caratteristiche leggermente diverse: la versione automatica delll'invocazione aumenta l'Audacia di 75 punti, mentre quella manuale la aumenta di 99 punti. Qui, la versione automatica dell'evocazione può essere ottenuta durante il capitolo 10 dello scenario 013; la versione manuale, invece, può essere acquistata in alcuni negozi moguri per 60 KP.
In aggiunta, l'incarnazione di Bahamut di Final Fantasy X è anche parte dell'arsenale di tecniche di Yuna, ed è in grado di usare Istinto come attacco Audacia e Megaflare come attacco PV. In alternativa, può anche apparire in supporto di un altro Eone per infliggere danni aggiuntivi quando Yuna è in modalità EX.

Theatrhythm Final FantasyModifica

Bahamut compare come invocazione in questo spin-off musicale, con il suo design di Final Fantasy III.

Final Fantasy: UnlimitedModifica

Un drago molto simile a Bahamut chiamato Gun Dragon è l'evocazione definitiva per Kaze da sparare con la sua pistola Magun. Come per le altre evocazioni, anche Gun Dragon ha bisogno di una combinazione di 3 proiettili pieni di Soil, in questo caso:

  • La luce che pervade i tuoi occhi, Tear Raimbow!
  • Lo spirito definitivo, Soulgun Metal!
  • L'elica della mia vita, Endless White!

Per poter evocare Gun Dragon, Kaze deve trasformarsi nel terzo proiettile, lasciando che qualcun altro spari al suo posto.

Nell'ottavio episodio il nemico Pist dopo aver sottratto la Magun da Kaze tenta una combinazione personale per evocare un essere simile al Gun Dragon (chiamato semplicemente "Evocazione finale"), usando:

  • Il luccichio dell'ovvia intelligenza, Marvelous Orange!
  • Il desiderio di una ricerca senza fine, Maniac Purple!
  • E infine la promessa di una vittoria perfetta, Ultra-Shocking Pink!

Prima di sparare Pist urla la frase: "Vieni, Evocazione finale!". Tuttavia qualcosa va storto (non si sa se la Magun si è ribellata o se la combinazione dei 3 proiettili era errata) e l'evocazione compare solo per pochi secondi esplodendo e rovinando i piani di Pist.

EtimologiaModifica

Bahamut (بهموت, Bahamūt) è un gigantesco mostro apparso nella mitologia pre-islamica. Il suo aspetto era quello di un gigantesco pesce-drago grande come l'universo intero. Sul dorso di questo pescione stava un toro con 4.000 occhi, bocche e orecchie, chiamato Kujata. Sulle spalle di questo stava una montagna di rubino e sopra questa un angelo che portava sulle spalle sette cieli, la terra e sette inferni.

Il motivo per cui Bahamut ha l'aspetto di un drago è dovuto all'immaginario di Dungeons and Dragons, che lo vedeva come signore dei draghi contrapposto a Tiamath.

CuriositàModifica

  • Bahamut, in Final Fantasy IX, è stato messo in ginocchio senza difficoltà da Alexander, ma continua ad essere più popolare di lui.
  • Bahamut avrebbe dovuto essere presente tra le invocazioni di Kingdom Hearts, ma è stato scartato. In compenso l'attacco Megaflare è presente in numerosi capitoli della saga.
  • In Kingdom Hearts II, l'attacco Cannone Thundaga dell'Heartless Signore delle tempeste è identico nell'esecuzione al Megaflare di Bahamut in Final Fantasy X.
  • Nell'edizione giapponese di Kingdom Hearts Re:Coded, i quattro upgrade del keyblade Metalchocobo hanno i suffissi delle quattro versioni di Bahamut apparsi nella compilation di Final Fantasy VII: Neo, Furia, Tremore e Zero.
  • Bahamut sarebbe dovuto comparire in un altro gioco di Mario, sviluppato dalla Square: Mario Sports Mix.

Nella rete di Wikia

Wiki a caso