Wikia

Final Fantasy Wiki

Bahamut

2 297pagine in
questa wiki
Discussione0
Bahamut
Bahamut Artwork Yoshitaka Amano (Final Fantasy IV).jpg
Kana バハムート (Bahamūto)
Specialità Non-elementale
Attacco firma Megaflare
Esordio Final Fantasy
Conquistatore dei cieli, Bahamut è noto con vari nomi: Re dragone, Divino creatore, Sire supremo.
—Evocacompendio

Bahamut è uno spirito d'invocazione ricorrente all'interno della serie di Final Fantasy.

Maestoso e potentissimo drago alato, è il sovrano di tutti i draghi e un dio anche per le invocazioni stesse. Generalmente è un'invocazione di tipo non-elementale, che appare dall'alto dei cieli per punire i nemici del suo invocatore con un potente raggio lanciato dalla bocca.

Bahamut detiene il record assoluto di apparizioni nella saga regolare, in cui è stato presente, anche solo indirettamente, come invocazione e boss affrontabile, e il solo titolo in cui non è apparso in alcun modo è Final Fantasy II. La sua presenza è inoltre quasi garantita nei titoli spin-off in cui compaiono le invocazioni. Bahamut è indiscutibilmente l'invocazione più iconica e popolare apparsa nella saga, oltre ad essere quasi sempre una delle più potenti accessibili ai giocatori.

ProfiloModifica

Bahamut, nel corso delle sue apparizioni, ha subito graduali modifiche al suo aspetto fisico che lo hanno reso progressivamente più maestoso, ma è sempre e comunque rappresentato con l'aspetto di un enorme drago dalle enormi ali. Nelle sue prime apparizioni, appariva con un aspetto facilmente riconducibile a quello di un drago classico, ma con il tempo ha acquisito fattezze sempre più umanoidi e una postura eretta adatta a farlo sembrare ancora più imponente. La maggior parte delle sue apparizioni è comunque accomunata da alcune caratteristiche, come uno o più paia di lunghe corna sulla testa, una cresta di spine lungo il collo e la schiena, una lunga coda e grandi artigli ricurvi e affilati.

Quando è convocato sul campo di battaglia, Bahamut appare sempre nella maniera più magnifica possibile, solitamente discendendo a gran velocità dal cielo o addirittura dallo spazio, per poi attaccare i nemici investendoli con un potente raggio chiamato Megaflare, che causa massicci danni di tipo non-elementale, spesso ignorando le loro difese. Quando appare come boss, Bahamut si affida ai suoi potenti attacchi fisici per colpire rapidamente e con decisione, ma non si fa problemi anche a usare il suo potente attacco speciale, che però è un'arma a doppio taglio in quanto richiede un tempo di caricamento di cinque turni, e può anche essergli ritorto contro dalla magia bianca Reflex.

Bahamut è una delle poche invocazioni che hanno una specie di storia passata, sebbene le informazioni su di essa tra un gioco e l'altro non siano sempre le stesse. Di lui si sa che è un essere mosso dalla giustizia che si impone con il pugno di ferro, è considerato una sorta di dio per i draghi, ed è spesso visto come un'autorità superiore o una divinità persino dalle altre invocazioni. Spesso, Bahamut è associato o contrapposto a Tiamath, regina dei draghi malvagi, oppure ha un simile più crudele o effettivamente malvagio chiamato Bahamut oscuro. In alcuni titoli sono inoltre presenti varianti più potenti di Bahamut, ognuna capace di usare una variante più potente dell'abilità Megaflare.
Fino al quinto capitolo della serie, Bahamut non aveva rivali nel campo delle invocazioni, ma a partire dal titolo successivo, pur rimanendo tra le invocazioni più forti, ha perso questo primato. In compenso, in diversi titoli ha comunque un ruolo di spicco fra le invocazioni, occasionalmente di importanza cruciale nella trama. Nella maggior parte dei giochi in cui compare, gli avventurieri devono misurarsi con Bahamut per mostrarsi degni di poterlo invocare. Altre volte, anche se piuttosto raramente, il giocatore dovrà passare sul cadavere di un altro boss per ottenere Bahamut.

ComparseModifica

Final FantasyModifica

BahamutFFI.png
Articolo principale: Bahamut (Final Fantasy)

Il primo capitolo della saga marca anche la primissima apparizione di Bahamut, come personaggio secondario. Sovrano dei draghi, risiede nelle grotte del drago nell'arcipelago Cardian ed è molto gentile nei confronti degli umani, al punto da permettere ai suoi sudditi di lasciare le isole e vivere a contatto con loro. Se il giocatore si presenterà a lui dopo aver ottenuto la coda di topo nel tempio dei cimenti, Bahamut ricompenserà i guerrieri della luce potenziando le loro classi. A partire dall'edizione Dawn of Souls per gioco GBA, il suo simile Bahamut oscuro compare nel dungeon opzionale Grotta primordiale, dove proporrà una sfida ai giocatori.
In questo gioco, Bahamut appare come un drago più grande degli altri, di colore violaceo e marrone, e con la parte interna delle ali rossa.

Final Fantasy IIIModifica

Bahamut (FFIII).png
Articolo principale: Bahamut (Final Fantasy III)

Bahamut ritorna in questo capitolo come invocazione e boss da battere. È incontrato già nelle prime fasi del gioco sul picco del dragone, dove cerca di dare i guerrieri della luce e Desch in pasto ai suoi piccoli. Più avanti nel gioco, dopo aver ottenuto l'Invincibile, si potrà raggiungerlo e sconfiggerlo nell'antro di Bahamut, in mezzo alle montagne.
Il suo design in questo gioco lo mostra come un enorme drago alato ma, come per tutte le invocazioni, il suo colore varia a seconda dell'attacco che usa. Nei remake del gioco è sempre rappresentato con squame grigie e la pancia verde acqua. Durante il primo scontro con lui, sarà troppo potente e si renderà quindi necessario fuggire, ma quando è incontrato nell'antro di Bahamut è un avversario più gestibile. Un nemico comune del gioco, il drago, ha lo stesso aspetto di Bahamut, ma di colore bluastro.

Bahamut è un'invocazione di livello 8, è di tipo non-elementale e si invoca tramite l'incantesimo Bahamur. Nei remake del gioco, prima di attaccare, appare sul campo ruggendo contro i nemici. A seconda della classe usata per invocarlo, ha un diverso limite di invocazioni, e può usare uno fra tre attacchi:

  • Aura: attiva status Fretta alla squadra. Colore verde e grigio con ali gialle.
  • Lacerazione: morte istantanea a un nemico. Colore verde acqua e bianco con ali viola.
  • Mega Vampalia: danno non-elementale a tutti nemici. Colore grigio e verde acqua con ali lilla.

Final Fantasy IVModifica

FFIV Bahamut.png
Articolo principale: Bahamut (Final Fantasy IV)
Bahamut, il cui potere sovrasta quello del re degli Eidolon. Con sguardo attento, vigila da lontano sugli Eidolon che ha creato. Se qualcuno sconfiggerà mai l'indomabile Bahamut in battaglia, sarà solo rivoltandogli contro l'immensità del suo stesso potere.
—Descrizione

Bahamut ricompare in questo gioco come invocazione e boss da sconfiggere. Divino creatore degli Eidolon, può essere incontrato in fondo all'antro del divino, una grotta situata sulla luna, ma per poterlo sfidare sarà necessario aver già ottenuto Leviatano. Esiste inoltre un boss chiamato Bahamut oscuro, che appare nella gola lunare a guardia della spada Ragnarok. Nei remake in 2D del gioco, durante la prova di Cain nelle rovine lunari, il cavaliere dragone deve affrontare Bahamut lunare in uno scontro uno contro uno.
Il design di Bahamut in questo gioco varia in base alla versione. Nelle versioni in 2D, è sostanzialmente identico all'incarnazione di Final Fantasy III, ma di colore più scuro; nelle versioni in 3D ha un aspetto leggermente più possente, la testa più piccola, ali più grandi e due spuntoni ricurvi sulle spalle. In questo gioco è presente anche la forma umana di Bahamut, mostrata come un uomo dai capelli biondi, con un lungo abito grigio e una corona. In battaglia, Bahamut attacca solamente usando il suo attacco Megavampalia, che nelle versioni 2D può essergli rivoltato contro usando Reflex.

Bahamut è un Eidolon non-elementale, richiede 60 PM per essere invocato nelle versioni 2D e 99 in quelle 3D, e ha tempo di caricamento 3. Il suo attacco Megavampalia causa pesantissimi danni di tipo non-elementale ai nemici. Quando è invocato nelle versioni 2D, Bahamut appare davanti ai nemici e scaglia su di essi una serie di enormi esplosioni rosse; nelle versioni 3D, invece, i pianeti del sistema solare si posizionano in circolo attorno a Bahamut, che procede quindi a lanciare il suo raggio azzurro.

Final Fantasy IV -Interlude-Modifica

Articolo principale: Bahamut (Interlude)

Bahamut riappare in questo capitolo aggiuntivo come invocazione e boss da battere, con le stesse caratteristiche che possedeva nel gioco originale. È invocato a sorpresa durante la battaglia contro la falsa Rydia, e non può essere sconfitto. Durante lo scontro è necessario sopravvivere finché non sarà riportato alla ragione dalla vera Rydia, che potrà invocarlo normalmente per il resto della battaglia.

Final Fantasy IV: The After YearsModifica

BahamutFFIV PSP.png
Articolo principale: Bahamut (The After Years)

Bahamut ritorna nuovamente nel seguito ufficiale del quarto capitolo, di nuovo con caratteristiche sostanzialmente invariate. Caduto sotto il controllo della ragazza enigmatica assieme agli altri Eidolon, è da lei usato per invadere il regno di Baron e sconfiggere Cecil, e in seguito è invocato contro i protagonisti nei livelli estremi delle profondità. In questo secondo scontro, Rydia può riportarlo alla ragione e riottenerlo tra le sue invocazioni, ma solo soddisfando determinate condizioni: in questo caso, Bahamut si rivolterà contro la sua precedente invocatrice e la incenerirà con il suo attacco.
Bahamut è affrontato come boss da Cecil nel castello di Baron, durante la storia di Ceodore, e poi nelle profondità durante la storia finale. Il primo scontro è impossibile da vincere, e terminerà automaticamente quando il boss avrà usato Megavampalia, mentre il secondo scontro potrà essere vinto solo se Rydia sarà presente in squadra, e Bahamut potrà essere riottenuto solo se Asura e Leviatano saranno presenti tra le invocazioni della ragazza. Nell'edizione per IOS e Android del gioco, compare anche Bahamut lunare come boss opzionale a guardia della spada Ultima.

Final Fantasy VModifica

FFV Bahamut IOS.png
Articolo principale: Bahamut (Final Fantasy V)

Bahamut compare in questo gioco come invocazione e boss da battere. Inizialmente, per contenere il proprio potere, riposa sotto la forma di una grande penisola a forma di drago nel mondo di Bartz, e sopra di lui è aperto il portale per il mondo di Galuf. In seguito, dopo aver ottenuto una delle tavole che sbloccano i sigilli sulle armi sigillate, si risveglia e vola sul monte Nord, dove può essere affrontato.
Il suo aspetto in questo gioco lo vede tornato allo stile di Final Fantasy III, ma è di colore grigio caldo e l'interno delle sue ali ha un aspetto luminoso. In battaglia, è solito alternare potenti attacchi fisici a diverse abilità magiche di altissimo livello, quali Vampa, Raggio atomico, Idrorespiro e Maelstrom, ricorrendo di tanto in tanto al suo attacco finale Megavampalia, che potrà nuovamente essergli ritorto contro con Reflex.

Bahamut è un'invocazione di livello 5 che richiede 66 PM per essere richiamata. Il suo attacco Megavampalia infligge pesanti danni non-elementali a tutti i nemici. Quando è invocato, appare davanti ai nemici e li investe con una serie di enormi esplosioni azzurre.

Final Fantasy VIModifica

Bahamut FFVI.png
Re dei draghi. Gli elementi nel suo corpo si combinano per generare un'esplosione di energia nucleare.
—Descrizione

Bahamut compare nuovamente in questo gioco, solamente come invocazione. Sebbene sia visto più volte in diverse scene dove compaiono gruppi di Esper, può essere ottenuto solo nel mondo in rovina, sconfiggendo il boss opzionale Mortifero. In realtà, può essere invocato anche prima di questo evento, attraverso l'abilità Slot di Setzer, se compaiono tre simboli drago come risultato.
In questo gioco, il design di Bahamut è abbastanza simile a quello del capitolo precedente, ma è più scuro e compatto, ha il collo più corto e le ali più grandi. A partire da questo capitolo, inoltre, Bahamut perde il primato di invocazione più potente del gioco.

Bahamut richiede 86 PM per essere invocato. Il suo attacco Megafusione ha potenza base 92 e causa danni non-elementali impossibili da bloccare a tutti i nemici. Quando è invocato, appare davanti ai nemici, rilasciando una gigantesca esplosione azzurra su di loro. Bahamut conferisce inoltre i seguenti bonus e abilità:

  • Fusione x2.
  • Ad aumento di livello, HP +50%

Final Fantasy VIIModifica

Bahamut ff7.png

Bahamut appare nuovamente come invocazione in questo capitolo. La materia invocazione necessaria per invocarlo è ottenuta nel tempio degli Antichi dopo che il gruppo ha sconfitto il drago rosso, ma può essere persa per sempre se non è raccolta proprio in quel momento. Bahamut era inoltre una delle invocazioni presenti nella demo per PC del gioco.
Il design di Bahamut in questo gioco è nuovamente molto simile a quello del titolo precedente, l'unica differenza è rappresentata dai tre artigli all'articolazione delle ali. Per la prima volta nella saga, inoltre, due versioni più potenti di Bahamut sono presenti tra le invocazioni utilizzabili: in questo caso, si tratta di Neo Bahamut e Bahamut ZERO.

La materia di Bahamut può essere associata a un'arma o una protezione, e permette di evocarlo in battaglia per 100 MP. L'attacco Megaflare infligge danni non-elementali pari a 4,0625 volte il danno magico di base. Quando è invocato, Bahamut discende roteando dal cielo, spiega le sue ali e spara una sfera di energia dalla bocca sui nemici, rilasciando una gigantesca esplosione.

Statistiche Livello 2 Livello 3 Livello 4 Master
AP 20000 50000 80000 120000
Modifiche Magic +1, Magic Def. +1, Max HP-5%, Max MP+5%

Final Fantasy VII: Advent ChildrenModifica

In questo film ambientato due anni dopo gli eventi del gioco originale, Bahamut non compare direttamente, ma è introdotta una nuova forma evoluta chiamata Bahamut SIN. Questo essere è invocato da Kadaj durante l'attacco alla città di Edge, ed è sconfitto da Cloud dopo un epico scontro.

Before Crisis -Final Fantasy VII-Modifica

La materia invocazione di Bahamut ricompare in questo spin-off. Il suo attacco Megaflare infligge danni non-elementali ai nemici. Bahamut ZERO fa un piccolo cameo durante un video, ma non è un'invocazione utilizzabile.

Crisis Core -Final Fantasy VII-Modifica

FFVIICC summon Bahamut.png
Articolo principale: Bahamut (Crisis Core)

Bahamut ricompare in questo capitolo come invocazione e boss da battere. Zack lo affronta durante il capitolo 2 della storia, quando è invocato contro di lui da Genesis a Banora. Bahamut è solo sconfitto durante questa battaglia, ma il dragone può essere in seguito affrontato nuovamente nella missione 8-1-4, la cui ricompensa sarà proprio la materia che permetterà di invocarlo attraverso l'OMD. Una versione potenziata di Bahamut è l'Esperimento N. 113 (missione 5-3-1).
L'aspetto di Bahamut è molto più dettagliato rispetto al gioco originale, e appare quasi meccanico nel suo insieme. Il suo corpo è visibilmente segmentato, ha enormi artigli, parti di armatura e diversi spuntoni sulla coda. In battaglia, Bahamut usa potenti attacchi fisici e precisi attacchi non-elementali, occasionalmente usando anche il suo attacco speciale da invocazione. In questo gioco, fa la sua comparsa una nuova forma evoluta di Bahamut, chiamata Bahamut Furia.

Quando è invocato tramite l'OMD, Bahamut usa l'attacco Megafusione e infligge danni a tutti i nemici con potenza variabile in base al livello dell'abilità. Durante l'invocazione, Bahamut si comporta in maniera simile al gioco originale, ma questa volta il cielo si frantuma letteralmente alla sua apparizione, e il drago assorbe una grande quantità di flusso vitale dalle sue ali prima di lanciare una potente sfera di energia dalla bocca.

Nome Ottieni Livello/Potenza Immagine
Descrizione 1 2 3 4 5
Bahamut
Megafusione
Missione 8-1-4 58 62 66 70 84 CCVII OMD Megafusione.png
Attacco magico su tutti i nemici.

Final Fantasy VIIIModifica

GF Bahamut.png
Articolo principale: Bahamut (Final Fantasy VIII)

Bahamut appare in questo capitolo come invocazione e boss opzionale. Questo potente Guardian Force è stato scoperto diverso tempo prima degli eventi del gioco, ma nessuno è mai riuscito a trovarlo per conquistarlo ed è stato quindi considerato una leggenda. Il gruppo di protagonisti lo può incontrare nella prima sala del laboratorio dell'isola di ricerca sottomarina, dopo aver risolto un piccolo enigma: Bahamut è protetto da un meccanismo che rileva i movimenti quando lampeggia, e sarà quindi necessario avvicinarsi pian piano quando la luce è spenta, oppure appariranno dei mostri. Una volta arrivato a destinazione, il giocatore dovrà rispondere a tre domande, ciascuna delle quali sarà seguita da uno scontro con un mostro: alle prime due comparirà un RubRumDragon, mentre alla terza Bahamut stesso scenderà in campo. , e sconfiggendolo otterrà la possibilità di invocarlo. Nell'edizione PC del gioco, uscita nel 2013, ottenere Bahamut sblocca un trofeo dedicato.
L'aspetto di Bahamut in questo gioco è simile a quello del gioco precedente, ma ha un aspetto leggermente più possente, con le spalle enfatizzate da escrescenze simili a spallacci, e le ali sono molto più grandi e con l'interno della membrana di colore rosso.

L'attacco Megaflare è di tipo non-elementale, e danneggia il gruppo nemico ignorando la statistica di Spirito. Durante l'invocazione, Bahamut vola attraverso un mare di nubi prima di di discendere sul campo di battaglia, per poi lanciare sui nemici una serie di sfere di energia azzurra, seguite da un potente raggio luminoso che rilascia un'enorme esplosione. La durata dell'animazione d'attacco è di 22,1 secondi, e permette quindi di infliggere fino al 230% del danno normale tramite la carica di supporto.

Il danno è calcolato in questa maniera:

Danno = 70 * Livello / 10 + 55 + 30
Danno = Danno * (265) / 8
Danno = Danno * 55 / 256
Danno = Danno * Supporto / 100
Danno = Danno * (100 + MagInvocate) / 100
Compatibilità
Effetto Bahamut +20, tutti gli altri G.F. -1,6
Oggetti Monolite +3,2 (-1,6 per gli altri), Love Love G +20,2
Magie Apocalypse +0,2, Flare +0,2, Sancta +0,2, Meteor +0,2, Quake +0,2, Tornado +0,2, Ultima +0,2

AbilitàModifica

Abilità AP Prerequisiti Abilità AP Prerequisiti
FFVIII Junction ability icon.png Abilità x4 Completo! FFVIII Party ability icon.png Oggetti rari 250 Nessuno
FFVIII Command ability icon.png Magia Completo! FFVIII GF ability icon.png MagInvocate +10% 40 Nessuno
FFVIII Command ability icon.png G.F. Completo! FFVIII GF ability icon.png MagInvocate +20% 70 MagInvocate +10%
FFVIII Command ability icon.png Assimila Completo! FFVIII GF ability icon.png MagInvocate +30% 140 MagInvocate +20%
FFVIII Command ability icon.png Oggetti Completo! FFVIII GF ability icon.png MagInvocate +40% 200 MagInvocate +30%
FFVIII Character ability icon.png FRZ +60% Completo! FFVIII GF ability icon.png G.F. HP +10% 40 Nessuno
FFVIII Character ability icon.png MAG +60% Completo! FFVIII GF ability icon.png G.F. HP +20% 70 G.F. HP +10%
FFVIII Character ability icon.png Ruba 200 Nessuno FFVIII GF ability icon.png G.F. HP +30% 140 G.F. HP +20%
FFVIII Character ability icon.png Via x l'Energia 200 Nessuno FFVIII GF ability icon.png G.F. HP +40% 200 G.F. HP +30%
FFVIII Character ability icon.pngAutoprotect 250 Nessuno FFVIII Menu ability icon.png Supporto 10 Nessuno
FFVIII Character ability icon.png Deduplica 250 Nessuno FFVIII Menu ability icon.png Elb Mag Proibite Completo!

Triple TriadModifica

Bahamut
TTBahamut.png Elemento Nessuno
Transcard 1 carta per 100 Megaelisir
Bottino Bahamut
Carta Nessuno
Carta G.F. livello 9 Possessore Nessuno

Final Fantasy IXModifica

Bahamut FFIX.png

Bahamut ricompare nuovamente in questo gioco come invocazione. È uno spirito d'invocazione a uso esclusivo di Daga ma, benché sia tecnicamente utilizzabile già dal momento in cui la ragazza entra in squadra, il livello iniziale di MP non lo permette. In seguito è estratto dalla ragazza assieme agli altri spiriti, ed è invocato dalla regina Brahne durante lo scontro con Kuja vicino all'albero di Iifa. Il jenoma, a malapena scalfito dall'attacco del drago, usa l'Invincibile per prendere il controllo di Bahamut e lo evoca poco più tardi ad Alexandria, dove però lo spirito è sconfitto in un colpo solo dallo spirito supremo Alexander. Più tardi, sarà nuovamente disponibile parlando con Beatrix dopo aver ottenuto l'idrovolante.
Il design di Bahamut in questo capitolo subisce per la prima volta un cambiamento drastico: ora appare molto più snello, di colore bruno violaceo con la pancia gialla e le ali viola, possiede enormi artigli, grandi corna che gli coprono gli occhi e due spine ossee mobili sulle scapole.

All'inizio del gioco, Bahamut richiede 224 MP per essere invocato, ma quando è riottenuto ne richiede solamente 56. È appreso attraverso la gemma Granata per 80 AP, e il suo attacco Megaflare infligge danni non-elementali a tutti i nemici. Quando è invocato, Bahamut discende sul campo di battaglia volando a poca distanza dai nemici, e poi risale per caricare il suo attacco, che sferra poco dopo in forma di potente raggio luminoso lanciato dalla bocca.
La potenza base di Megaflare ammonta a 77 durante l'animazione breve, mentre con animazione lunga aumenta a 88 più il numero di granate presenti nell'inventario.

Tetra MasterModifica

Bahamut
FFIX Carta Bahamut.png
#66
Numero CM95
Possessore

- Disco 4
Toleno (Cartodromo) - Leyla il Fantasma

Bottino Nessuno
Tesoro Nessuno

Final Fantasy XModifica

FFX Bahamuth.png
Articolo principale: Bahamut (Final Fantasy X)

Bahamut appare in questo capitolo come invocazione e personaggio secondario. Si tratta di uno degli Eoni obbligatori per la trama, e l'ultimo con cui Yuna entra in contatto: la ragazza otterrà la possibilità di invocarlo nel tempio di San Bevelle, dove il gruppo la troverà dopo la sua fuga dai templari. In realtà, il suo intercessore appare già dai primi minuti di gioco e guida Tidus durante l'avventura, apparendo davanti a lui e Yuna in diverse occasioni e rivelando loro importanti verità su Spira e Zanarkand. Bahamut può essere affrontato negli scontri con Belgemine nel tempio di Remiem, e l'invocatore Isaaru invocherà il suo Bahamut Tsurugi durante lo scontro con Yuna nella via Purificatio. Come per gli altri Eoni, esiste anche una versione oscura, Dark Bahamut, che apparirà se si entrerà nel naos di Zanarkand dopo aver sconfitto Yunalesca.
In questo capitolo, Bahamut ha quello che forse è l'aspetto più iconico e riconoscibile dell'intera saga: ora è di colore blu scuro, ricco di dettagli, con grandi ali coperte di grandi piume rosse e un enorme cerchio che rotea dietro di lui. Il suo intercessore ha l'aspetto di un ragazzino dalla pelle scura, con un cappuccio blu dietro il quale è disegnato lo stesso cerchio che compare nella sua forma di Eone. Quando Bahamut è affrontato come nemico, si comporta in maniera unica rispetto agli altri Eoni: rimarrà infatti inattivo per cinque turni, durante i quali la sua barra Turbo si riempirà di un quinto, usando poi il suo attacco speciale al termine del conto alla rovescia, quando la barra sarà inevitabilmente piena.

Come tutti gli Eoni, Bahamut è controllabile in battaglia una volta invocato: si tratta di un combattente versatile, a conoscenza di numerose magie e con statistiche estremamente alte comparato ai suoi colleghi, il che lo rende estremamente utile contro i mostri della via Purificatio. Si tratta dell'unico Eone obbligatorio a poter sfondare il limite di danno senza bisogno che un'arma finale sia potenziata.
Quando è invocato, esce da una dimensione alternativa e poi discende dai cieli sul campo di battaglia, atterrando di fianco a Yuna ruggendo fieramente e incrociando le braccia. Bahamut ha due simboli, visibili quando è evocato, che sono indicati con i kanji (hikari) e (mu), che significano rispettivamente "Luce" e "nulla". Il suo attacco speciale è Istinto, che causa danni non-elementali scagliando quattro sfere di energia oscura sul gruppo nemico. La sua Turbotecnica è Megaflare, che causa pesanti danni non-elementali tramite un raggio concentrato dall'anello sulla schiena di Bahamut e sparato dalla sua bocca, che spazza via i nemici ed esplode in un bagliore accecante.

StatisticheModifica

Statistica Valore base
HP 1210
MP 35
POT fisica 23
DIF fisica 27
POT magica 18
DIF magica 28
Rapidità 10
Fortuna 17
Destrezza 20
Mira 11
Abilità Descrizione
Fire Attacca un nemico con elemento Fuoco.
Blizzard Attacca un nemico con elemento Gelo.
Thunder Attacca un nemico con elemento Tuono.
Idro Attacca un nemico con elemento Acqua.
Fira Attacca un nemico con elemento Fuoco.
Blizzara Attacca un nemico con elemento Gelo.
Thundara Attacca un nemico con elemento Tuono.
Idrora Attacca un nemico con elemento Acqua.
Firaga Attacca un nemico con elemento Fuoco.
Blizzaga Attacca un nemico con elemento Gelo.
Thundaga Attacca un nemico con elemento Tuono.
Idroga Attacca un nemico con elemento Acqua.

Final Fantasy X-2Modifica

BahamutX2.png
Articolo principale: Bahamut (Final Fantasy X-2)

Bahamut ritorna nel seguito del decimo capitolo, ma questa volta unicamente come boss da battere. Caduto sotto il controllo del non-trapassato Shuyin, appare nei sotterranei di Bevelle nel luogo in cui si trovava Vegnagun. Yuna cerca di riportarlo alla ragione, ma si ritrova costretta a sconfiggerlo. Il suo intercessore compare nuovamente nella trama, e ha un ruolo fondamentale nelle ultime fasi del gioco. Nelle versioni International e HD Remaster del gioco, è possibile affrontarlo nell'arena di Shinra dopo che un Azi Dahaka potenziato al massimo sarà rilasciato e si sarà trasformato in lui.
L'aspetto di Bahamut, come per gli altri Eoni, è basato sulla sua versione oscura. Quando combatte, attacca alternando gli attacchi fisici e l'abilità Istinto, ma dopo aver perso metà dei suoi HP inizia a contare da cinque in preparazione a Megaflare.

Final Fantasy XIModifica

Bahamut (FFXI).png

Bahamut è uno dei cinque Avatar terrestri di Vana'diel, introdotto a partire dall'espansione Chains of Promathia e finora non disponibile come invocazione, ma solo come boss opzionale.
Sovrano dei draghi, Bahamut appare per avvertire i popoli di Vana'diel della minaccia del "nulla" e dell'imminente arrivo dell'apocalisse. Durante la storia, la sua strada si incrocia con quella del giocatore, che assieme a Prishe e Ulmia sta indagando su alcuni misteriosi eventi nella zona di Capo Riverne. In seguito, dopo un incontro con Selh'teus che mette in dubbio la certezza delle parole di Bahamut, il giocatore incontra nuovamente il re dei draghi per conoscere la verità. Questi però si limita a deridere gli umani per la loro "incompletezza" e gli scaglia contro il suo servo drago Ouryu. Nonostante la sconfitta del drago, Bahamut rifiuta di dare spiegazioni, rivelando semplicemente che, tempo addietro, aveva fatto un patto con un giovane in caso dovesse arrivare l'emissario dell'apocalisse, e che il tempo era arrivato. Bahamut, successivamente, lascia il giocatore con un avvertimento: "Figli dell'alba, la vostra fine è vicina!"
Dopo questi eventi, è resa disponibile la missione "Discesa del re dragone", in cui sarà possibile, per un gruppo ben allenato, affrontare Bahamut in combattimento.
Il design di Bahamut in questo gioco è basato principalmente sulle sue incarnazioni classiche, ma sembra aver fatto anche da ispirazione per il suo aspetto nel remake per Nintendo DS di Final Fantasy IV, in quanto è molto simile a quella versione. Bahamut è anche il nome di uno dei server di gioco.

Final Fantasy XIIModifica

In questo capitolo, Bahamut non compare come invocazione, come tutte le altre invocazioni classiche. Il suo nome è usato invece per indicare la più potente aeronave da guerra dell'impero di Archadia: la fortezza aerea Bahamut è una gigantesca struttura alimentata dal potere della negalite divina, che è scatenata dall'impero durante la battaglia sui cieli di Rabanastre e funge da livello finale del gioco.

Oltre alla fortezza aerea, un riferimento a Bahamut è presente nel boss finale del gioco, Imperitur: l'armatura che indossa, fatta di rottami, assomiglia a Bahamut nel design, e tra i suoi attacchi figurano Megaflare, Spada Gigaflare e Teraflare. L'Esper Adrammelech sembra essere ispirato a Bahamut per aspetto fisico.

Final Fantasy XII: Revenant WingsModifica

BahamutRW.png
Articolo principale: Bahamut (Revenant Wings)
Despota con ali di tenebra che riportano tutto al nulla.
—Descrizione

Bahamut appare ufficialmente in questo capitolo come Esper non-elementale. Viene invocato per la prima volta dal Giudice alato per distruggere la parte est del continente di Lemures, ed è affrontato nuovamente nel Castello del tempo perduto, dove è anche sbloccato. Riappare in seguito anche nelle segrete del giuramento.
Il suo design è qui piuttosto appariscente, e per certi versi simile alla versione di Final Fantasy X: appare come un drago verde e marrone protetto da un'armatura bianca e armato di una pesante lancia. La versione invocata dai nemici ha l'armatura viola e il corpo verde scuro. La sua descrizione rimanda a due Esper del gioco precedente, Adrammelech e Zeromus, entrambi assenti in questo seguito.

Bahamut è un Esper di livello 3, che attacca dall'alto. Dispone di due potenti attacchi: Grinfia di Bahamut, che causa danni ai nemici vicini, e Megaflare, che causa massicci danni non-elementali e lo status Inabilità.

Final Fantasy XIIIModifica

Bahamut29.png
Articolo principale: Bahamut (Final Fantasy XIII)

Bahamut ricompare in questo gioco, come invocazione e boss. Si tratta dell'Esper di Fang, e il quarto ad essere ottenuto nel gioco: Fang ottiene la capacità di invocarlo nella quinta arca, dopo aver dimostrato di saper proteggere le persone che ama e ostacolare i suoi nemici. Bahamut è invocato da Fang in diverse occasioni nel corso dell'avventura, e risulta molto utile grazie alla sua capacità di volare, che salva la vita al gruppo quando si ritrovano a cadere su Gran Pulse dopo la fuga dalla quinta arca.
Il design di Bahamut in questo gioco, come per gli altri Esper, ha caratteristiche meccaniche: di colore nero e viola, ora è privo di ali, ha un aspetto più antropomorfo ed enormi artigli rosso vivo. Quando appare come boss, Bahamut attacca in modo aggressivo, concatenando i suoi attacchi più terribili in feroci combo. La sua barra Gestalt si riempie quando Fang si difende dagli attacchi o lo attacca con abilità che infliggono status alterati, e una volta piena sarà possibile premere Playstation Button S.png per domarlo.

Quando è invocato, Bahamut sferra potenti e veloci attacchi non-elementali, ed è in grado di infliggere ingenti quantità di danni senza troppe difficoltà. In modalità Gestalt, assume le sembianze di un drago dalle enormi ali e attacca i nemici dall'alto con Fang sulla sua groppa. In questa forma, può usare diversi potentissimi attacchi, incluso il devastante Megavampalia, che può facilmente sfondare il limite dei 99999 PV di danno se eseguito su un nemico in crisi. Fang evoca Bahamut lanciando verso il cielo il suo cristallo a forma di petalo, e l'Esper appare attraversando una fila di emblemi nell'aere, mentre dopo aver usato Megavampalia, Bahamut vola via a velocità supersonica mentre Fang lo elogia dicendo "Che carino".

Le iscrizioni sugli emblemi da cui appare Bahamut sono parole latine in alfabeto di Etro e si traducono con:

Per grazia di Etro, emerge dal vuoto della mezzanotte. Avanza, sovrano della crepa.
Un nome nel sangue, un patto di rovina. Bahamut sorgerà, in un legame eterno e inflessibile.
Sostieni i cieli. Avvolgi la terra

AbilitàModifica

Abilità Consumo ATB Descrizione
Artigli di drago 1 Causa danni fisici al bersaglio e ai nemici intorno.
Tornado furioso 1 Causa danni fisici ai nemici intorno e li lancia in aria.
Colpo deciso 1 Causa ingenti danni fisici.
Inferno 1 Causa ingenti danni magici.
Rogo 3 Causa danni magici ai nemici entro un ampio raggio.
Energiga 1 Fa recuperare molti PV al bersaglio.
Miracolo Auto Rianima dal KO ripristinando i PV. Annulla effetti ostruttivi e indebolenti e termina l'invocazione.

GestaltModifica

Abilità Consumo ATB Mossa PS3/360 Descrizione
Slancio rapace 2 Playstation D-Pad Up.pngPlaystation Button X.png/Xbox D-Pad Up.pngXbox Button A.png Causa danni scendendo in picchiata e lancia in aria il nemico in Crisi.
Cappio aereo 2 Playstation D-Pad Down.pngPlaystation Button X.png/Xbox D-Pad Down.pngXbox Button A.png Attacca con un salto e si eleva causando danni.
Respiro nocivo 3 Playstation D-Pad Left Right.pngPlaystation Button X.png/Xbox D-Pad Left Right.pngXbox Button A.png Causa ripetuti danni caricando in avanti.
Spargipulsar 3 Playstation Button C.png/Xbox Button B.png Si innalza e spara proiettili luminosi causando danni ai nemici entro un ampio raggio.
Megavampalia Tutta Playstation Button T.png/Xbox Button Y.png Causa ingenti danni ai nemici.

Final Fantasy XIII-2Modifica

Bahamut ritorna in questo gioco, ed è l'Esper che appare più volte durante l'avventura. Come per gli altri Esper, ne esistono molti esemplari che fanno parte dell'esercito di Etro ai comandi di Lightning: uno è invocato dalla ragazza per salvare Noel dall'attacco dell'antagonista Caius Ballad a Valhalla durante il prologo del gioco, ed è controllabile durante lo scontro successivo. Una potente versione malvagia di questo Esper, chiamata Bahamut caos, è l'Esper dello stesso Caius, che lo invoca trasformandosi direttamente in esso: si tratta di un antico rituale di invocazione che sacrificava la vita di un l'Cie per dare potere all'Esper, e che Caius può permettersi di ripetere più volte perché è immortale. Caius può inoltre assumere una forma di Bahamut ancora più potente durante lo scontro finale con i protagonisti, chiamata Bahamut Fluctuo, e questa forma può a sua volta invocare due suoi simili, Bahamut Ratio e Bahamut Imper, per supportarlo in battaglia.
Il Bahamut invocato da Lightning è uguale a quello di Fang, ma di colore bianco e verde; Bahamut caos è invece nero e grigio, è più grosso del Bahamut normale e ha le ali di forma diversa. Bahamut Fluctuo appare invece come un drago più classico di colore viola, ma con quattro braccia e caratteristiche fisiche che rimandano all'aspetto di Caius, oltre a una lunga coda a serpentina; Bahamut Imper e Bahamut Ratio sono quasi uguali a lui, ma presentano alcune piccole differenze di design, e sono rispettivamente di colore rosso e giallo. Bahamut caos è combattuto come boss una volta nel prologo del gioco, poi di nuovo nelle fasi finali dell'avventura, e una terza volta nel finale DLC "Il requiem della dea", ma in questo caso solo se Caius è sconfitto da Lightning a un livello superiore a 6: in battaglia si comporta in maniera molto simile al Bahamut originale, usando fondamentalmente gli stessi attacchi. Bahamut Fluctuo, invece, attacca in diversi modi tramite magie, colpi fisici e invocazione di nemici minori, e il suo attacco Gigavampalia è influenzato dalla presenza dei suoi due alleati sul campo: se uno tra Bahamut Ratio o Bahamut Imper è in vita al momento dell'esecuzione, l'attacco diventerà Teravampalia, mentre se saranno in vita tutti e due, diventerà Esafusione, che può portare a un Game Over quasi sicuro.

Lightning Returns: Final Fantasy XIIIModifica

Bahamut ricompare un'ultima volta nel capitolo conclusivo della saga di Lightning. Appare in soccorso della protagonista durante lo scontro finale con Bhunivelze. Dopo la sconfitta del boss finale, Bahamut dà un ultimo saluto e scompare per sempre nel flusso di anime, poiché gli Esper non possono esistere nel nuovo mondo. Bahamut caos fa anche una piccola apparizione: sebbene Caius non possa più trasformarsi in esso, può ancora chiamarlo a sé per eseguire Megavampalia.

Final Fantasy XIVModifica

Bahamut FFXIV.png
Articolo principale: Bahamut (Final Fantasy XIV)

Bahamut ritorna in questo capitolo online nel ruolo di Primal. Presente già nella versione originale del gioco, ma mai apparso fino alla conclusione di quest'ultima, non è un vero e proprio Primal, ma un essere vivente riportato in vita attraverso l'Aether dopo la sua morte attraverso un rituale arcano ideato dagli Ascian: in origine, Bahamut era un componente della prima nidiata, i sette figli del drago antico Midgardsormr, che assieme alla sorella Tiamath aveva dato vita ai draghi di Meracydia, progenitori dell'orda dravaniana. Ucciso dall'antico Impero allagano, fu riportato in vita come Primal dalla compagna perché si vendicasse. Nuovamente sconfitto dagli allagani tramite l'arma Omega, Bahamut fu sigillato nel satellite artificiale Dalamud dall'imperatore Xande, in modo da avere energia illimitata dal suo potere. I discendenti di Bahamut furono imprigionati in gabbie che furono poste attorno al Primal, in modo che le loro urla disperate lo raggiungessero e lo mantenessero attivo. Purtroppo l'energia generata causò la distruzione di Allag, e Bahamut rimase imprigionato per secoli all'interno di Dalamud, incapace di aiutare i figli che imploravano il suo aiuto.
Con il tempo, la gente dimenticò la vera natura di Dalamud, credendola solo una luna secondaria, ma qualcuno conosceva ancora la verità: durante la versione originale del gioco, il generale dell'impero garleano Nael Van Darnus cercò di far cadere Dalamud per distruggere il continente di Eorzea, e i giocatori tentarono di fermarlo prima che potesse riuscirci. Purtroppo, nonostante l'apparente morte di Nael, il progetto si concretizzò e Dalamud iniziò la sua discesa, interrompendosi solo quando Bahamut riuscì finalmente a liberarsi dal sigillo. Portato alla completa follia dopo aver sopportato il suo supplizio per secoli, il Primal antico scatenò la sua ira su Eorzea dando inizio alla Settima Era Umbrale. L'eroe Louisoix Leveilleur, aiutato dal potere dei Dodici, cercò di sigillare nuovamente Bahamut, ma il drago si liberò in anticipo e, infuriato, lanciò un poderoso attacco Teraflare con una tale forza da terraformare Eorzea.
Dopo quell'evento, Bahamut scomparve senza lasciare traccia, ma durante gli eventi di A Realm Reborn, il reboot del gioco ambientato cinque anni dopo, è rivelato che il suo corpo è stato parzialmente distrutto durante lo scontro con Louisoix, e lo stesso meccanismo che lo manteneva in vita dentro Dalamud è ora usato per rigenerarlo in una località chiamata Spire di Bahamut. Qui, il giocatore deve completare una serie di missioni d'istanza volte a impedire che Bahamut possa nuovamente rigenerarsi, affrontando diversi draghi fino ad arrivare alle ultime spire di Bahamut, davanti al suo cuore pulsante, dove il Primal antico si manifesterà nella forma di Bahamut Prime.
Il design di Bahamut in questo gioco appare molto più massiccio che in qualunque altra sua apparizione, possiede ali gigantesche, braccia molto corte e una colorazione che tende al giallo e al nero. Quando è affrontato come Bahamut Prime, combatte usando diversi potenti attacchi tra cui Megaflare, ma la sua mossa più pericolosa è Teraflare, che disintegrerà il giocatore se non sarà compiuta una particolare azione. Bahamut non è mai affrontato nella sua forma originale, anche perché il giocatore è grande quanto una formica paragonato a lui: l'ampio campo di battaglia delle spire di Bahamut è la sua sola mano.

Durante un evento speciale con protagonista Lightning, è inoltre possibile affrontare l'incarnazione di Bahamut di Final Fantasy XIII, conosciuta in gioco come Incarnazione del caos.
Un minion ottenibile durante il gioco è Bahamut in miniatura, un draghetto con la testa coperta da un pezzo di Dalamud in miniatura. Il minion si comporterà in maniera ostile se si troverà davanti a un "Louisoix in miniatura".

Final Fantasy TacticsModifica

Bahamut appare in questo gioco come una delle invocazioni accessibili alla classe dell'invocatore.
In questo gioco, Bahamut ha un aspetto che rimanda alle incarnazioni classiche.

Bahamut può essere appreso per 1200 JP, richiede 60 MP per essere invocato, ha 10 di velocità e infligge danni non-elementali in una vasta area. Esiste inoltre una possibilità del 20% che Bahamut sia appreso da un invocatore che sostenga il suo attacco senza essere sconfitto. Durante l'invocazione, nella versione originale del gioco, l'invocatore potrebbe evocarlo dicendo: "Brucia con la fiamma del drago! BAHAMUT!"

Final Fantasy Type-0Modifica

BahamutType0.jpg

Bahamut appare in questo gioco come una categoria di invocazioni. Gli Esper di categoria Bahamut sono usati solamente da una divisione speciale del reggimento invocazione di Akademeia, e sono usati solamente durante le azioni di guerra su vasta scala, data la loro alta potenza. Bahamut è visto per la prima volta durante l'invasione di Akademeia da parte dell'Impero di Milites: la superiorità del drago gli permette di abbattere numerose aeronavi, ma quando il neutralizzatore è attivato i suoi poteri si indeboliscono ed è facilmente abbattuto dai cannoni, e solo quando la classe Zero distrugge uno dei neutralizzatori i soldati vermigli possono soccorerlo e curarlo. I Bahamut sono poi invocati durante la battaglia di Judecca e l'assedio al ponte Magno, a sostegno dell'esercito e della classe Zero. L'Esper rappresentante di questa categoria è ottenuto solo a partire dalla seconda partita, completando la missione Codice Cremisi "Operazione Vento dell'est" a difficoltà Standard.
Il design di Bahamut è sostanzialmente identico a quello apparso in Crisis Core -Final Fantasy VII-, ma è molto più dettagliato, il suo schema di colori è più tendente al rosso e presenta decorazioni simili a ingranaggi, tema ricorrente nel gioco.

Gli Esper di classe Bahamut hanno poca mobilità e un valore di difesa piuttosto basso, ma il resto dei loro parametri è globalmente elevato, e permette un efficace utilizzo dei loro potentissimi attacchi. A compensare tale potenza, tuttavia, c'è la scarsa durata del loro tempo di permanenza, che rende necessario sfruttarli solo in azioni veloci.
Gli Esper di classe Bahamut accessibili al giocatore sono:

  • Bahamut: pochi PV e basso tempo di permanenza, ottime statistiche globali.
  • NeoBahamut: molto grande e con statistiche globali altissime, tempo di permanenza ristretto.
  • Bahamut 0: il modello definitivo, usato solo in condizioni specifiche durante "La battaglia di Judecca", non può essere sconfitto e ha tutte le statistiche al massimo.

Statistiche generaliModifica

Resistenze fisiche
Proiettili Impatto Perforazione Lacerazione
x1,0 x1,0 x1,0 x1,0
Resistenze elementali
Fuoco Gelo Tuono Acqua Terra Vento
x1,0 x1,0 x1,0 x1,0 x1,0 x1,0

AbilitàModifica

Abilità
Abilità Descrizione Esper
Carica Si scaglia contro i nemici e assesta un terribile colpo. Bahamut, NeoBahamut
Onda cosmica Rilascia un'onda energetica che danneggia i nemici circostanti. Bahamut, NeoBahamut
Megafusione Rilascia un raggio continuo, caricabile tenendo premuto il tasto dell'abilità. Diventa Gigafusione e poi Terafusione se usato da Bahamut 0. Bahamut, Bahamut 0
Gigafusione Rilascia un raggio continuo, caricabile tenendo premuto il tasto dell'abilità. NeoBahamut
Devastazione Scatta in avanti e colpisce con un pugno devastante. Bahamut 0

Final Fantasy Crystal Chronicles: The Crystal BearersModifica

Articolo principale: Bahamut (The Crystal Bearers)

Bahamut compare in questo gioco come boss da battere, nella sua unica apparizione in un gioco della serie Crystal Chronicles. Il drago è invocato da Amidatelion per distrarre Layle durante la sua fuga, ma dopo essere stato sconfitto non è mai più menzionato.
In questo gioco, il design di Bahamut è molto in linea con le apparizioni moderne, ma ha un aspetto più stilizzato e quasi robotico per meglio adattarsi allo stile grafico del gioco. Durante lo scontro, Bahamut brandisce una lancia Gae Bolg con la propria coda, e l'unico modo per sconfiggerlo è sottrargli l'arma e colpirlo con essa: per costringerlo ad avvicinarsi è necessario lanciargli contro le spade dei goblin che bazzicano l'area, fino a farlo infuriare.

Final Fantasy: The 4 Heroes of LightModifica

Articolo principale: Bahamut (The 4 Heroes of Light)

Bahamut appare in questo gioco come potente boss opzionale. Combattuto all'ottantesimo livello delle rovine Moonsand, è un drago di elemento Luce che lascerà cadere il raro oggetto Oricalco una volta sconfitto.
In questo gioco, Bahamut ha esattamente lo stesso aspetto del boss Drago, quindi un bestione dalle squame grigie con la pancia arancione ed enormi ali, ma è ovviamente molto più forte.

Bravely DefaultModifica

La più singolare apparizione di Bahamut avviene in questo spin-off della serie. Durante il capitolo 7, i protagonisti possono affrontare nuovamente Ominas Crowe in una battaglia divisa in due fasi: nella prima, il mago nero chiamerà in suo soccorso il suo famiglio Bahamut, che rappresenterà tuttavia un fastidio minimo per il gruppo.
Questo Bahamut, piuttosto paffuto e capace di attaccare con Pico-flare, non è altro che un D'gon del fuoco più potente del normale.

Final Fantasy DimensionsModifica

Articolo principale: Bahamut (Dimensions)

Bahamut appare in questo gioco come invocazione e boss da battere. Può essere affrontato nella montagna del divino, accessibile tramite un passaggio creato da Nil Vata, e sconfiggerlo permetterà di invocarlo.
L'aspetto di Bahamut è basilarmente simile alle incarnazioni classiche, ma è di colore viola e curiosamente ha uno stile che si avvicina al cartoonesco, specialmente nella testa.

Bahamut è l'invocazione finale, richiede 78 MP per essere invocato, e il suo attacco Megaflare causa danni non-elementali a tutti i nemici sul campo. Bahamut può anche essere combinato con la magia Flare per ottenere l'abilità Gigaflare.

Dissidia Final FantasyModifica

Bahamut ricompare in questo picchiaduro come evocagemma. Ottenibile durante l'Odissea del destino X, il suo effetto Aura fa aumentare l'Audacia dell'invocatore di un valore preciso a intervalli regolari per un periodo di tempo. Come per altre invocazioni, esistono due versioni di Bahamut: la prima, con l'aspetto di Final Fantasy X, si attiva automaticamente quando l'Audacia dell'invocatore è meno di metà del valore base e la aumenta gradualmente di 20 punti; la seconda, con l'aspetto di Final Fantasy III, può essere attivata in qualunque momento e aumenta l'Audacia di 40 punti.

Dissidia 012 Final FantasyModifica

Bahamut compare in questo gioco con un ruolo attivo. È parte dell'arsenale di invocazioni di Yuna, e usa Istinto come attacco Audacia e Megaflare come attacco PV, oltre a poter comparire anche in supporto a un altro Eone quando Yuna attacca in modalità EX.

Ritorna inoltre l'evocagemma di Bahamut. Il suo funzionamento è leggermente modificato e il valore di Audacia gradualmente aggiunta all'invocatore ammonta a 75 punti per l'evocazione automatica, e 99 per quella manuale. La prima versione può essere ottenuta durante il capitolo 10 dello scenario 013, mentre la seconda può essere acquistata in alcuni negozi moguri per 60 KP.

Theatrhythm Final FantasyModifica

Prima che i draghi fossero demonizzati come creature oscure, essi vivevano in pace con gli uomini. In quell'era antica, nessuno era più grande del Re dei Draghi, Bahamut, che concedeva i suoi poteri e la sua saggezza solo ai Guerrieri della luce.
—Descrizione

Bahamut appare in questo spin-off musicale come invocazione. Può essere chiamato durante la specifica modalità Invocazione nei livelli battaglia, ed è basato sul suo design di Final Fantasy III.

Theatrhythm Final Fantasy Curtain CallModifica

Bahamut ritorna in questo gioco con caratteristiche sostanzialmente invariate. Bahamut SIN appare inoltre come boss nei livelli battaglia.

Final Fantasy ExplorersModifica

FFE Bahamut.png
Articolo principale: Bahamut (Explorers)

Bahamut appare in questo gioco come boss da battere.
Il suo aspetto in questo gioco rimanda molto alle incarnazioni classiche, ma appare più muscoloso, di colore violaceo e con enormi spine di cristallo luminoso sulle articolazioni delle ali e sulle spalle.

Final Fantasy: UnlimitedModifica

Un drago molto simile a Bahamut chiamato Gun Dragon è l'evocazione definitiva per Kaze da sparare con la sua pistola Magun. Come per le altre evocazioni, anche Gun Dragon ha bisogno di una combinazione di 3 proiettili pieni di Soil, in questo caso:

Un drago molto simile a Bahamut chiamato Gun Dragon è una delle invocazioni utilizzate da Kaze in questa serie animata: è visto nel primo episodio ed è poi riproposto come invocazione definitiva nel finale della serie. Nell'ottavio episodio, il cattivo Pist Shaz XI si impossessa della Magun di Kaze e tenta una combinazione personale per evocare un essere simile al Gun Dragon chiamato semplicemente "Evocazione finale": l'invocazione non ha tuttavia l'effetto desiderato, e la magun ritorna nelle mani di Kaze.
Il design del Gun Dragon è ispirato a Bahamut, ma ha un aspetto piuttosto meccanico, ha due enormi eliche sulle articolazioni delle ali piumate, due lunghe code e un enorme cannone al posto della testa. Nel primo episodio della serie e nella forma invocata da Pist, l'invocazione appare di colore rosso e nero, mentre nell'episodio finale è di colore bianco luminoso.

Come per tutte le invocazioni, Gun Dragon può essere richiamato sparando con la Magun. La Soil Charge necessaria comprende tre proiettili molto particolari, creati rispettivamente dall'anima di Lou, Moglin e dello stesso Kaze, che affida quindi a Lisa il compito di sparare al posto suo:

  • La luce che pervade i tuoi occhi, Tear Raimbow!
  • Lo spirito definitivo, Soulgun Metal!
  • La spirale della mia vita, Endless White!

La cosiddetta "Evocazione finale" tentata da Pist prevede invece una diversa Soil Charge:

  • Lo splendore dell'intelligenza, Marvelous Orange!
  • L'infinità della sete di sapere, Maniac Purple!
  • La forza di una vittoria perfetta, Ultra-Shocking Pink!

Prima di sparare, Pist urla la frase: "Vieni, Evocazione finale!".

EtimologiaModifica

Bahamut (بهموت, Bahamūt) è un gigantesco mostro apparso nella mitologia pre-islamica. Il suo aspetto era quello di un gigantesco pesce-drago grande come l'universo intero, oppure sostenuto da una balena ancora più grande chiamata Liwash. Sul dorso di Bahamut poggia un toro con 4.000 occhi, bocche e orecchie, chiamato Kujata, sulle cui spalle poggia una montagna di rubino, su cui torreggiava un angelo che a sua volta portava sulle spalle sette cieli, la terra e sette inferni.

L'aspetto di drago di Bahamut è dovuto all'immaginario di Dungeons and Dragons, prima fonte di ispirazione per molti concept dei primi Final Fantasy: qui, Bahamut è un drago di platino, sovrano e padre dei draghi metallici e divinità minore di ordinamento legale-buono. Contrapposta a lui è Tiamath, sovrana dei draghi cromatici, ma entrambi sono figli del dio supremo Io. Bahamut è solito apparire accompagnato da sette draghi d'oro, ma occasionalmente si palesa in forma umana con l'aspetto di un vegliardo, mentre i sette draghi appaiono con l'aspetto di canarini.

Le varie versioni di Bahamut che appaiono nella compilation di Final Fantasy VII hanno appellativi che rimandano a particolari aerei da combattimento giapponesi: Neo Bahamut al Ki-202 Shūsui Kai (秋水改), Bahamut ZERO al A6M Reishiki Kanjō Sentōki (零式艦上戦闘機), Bahamut SIN al J7W1 Shinden (震電), e Bahamut Furia al A7M Reppū (烈風).

CuriositàModifica

  • In Final Fantasy Crystal Chronicles: Echoes of Time, equipaggiare l'Elmo mistico e l'Armatura mistica su uno yuke maschio lo renderà simile a Bahamut.
  • Nella saga parallela di Kingdom Hearts, sono presenti numerosi riferimenti a Bahamut.
    • In Kingdom Hearts, Bahamut avrebbe dovuto essere presente come invocazione, ma è stato rimosso abbastanza presto nella produzione: tutto ciò che ne rimane sono dei dati accessibili modificando i codici, ma tentare di invocarlo manderà il gioco in crash. Nell'edizione Final Mix dello stesso gioco, esiste una Gummiship speciale chiamata Bahamut, modellata sull'aspetto del drago.
    • In Kingdom Hearts II, un boss affrontato durante la secondo visita alla Terra dei Dragoni è l'Heartless Signore delle tempeste: l'attacco più potente di questo mostro ha la stessa animazione dell'attacco Megaflare di Bahamut in Final Fantasy X.
    • Nella modalità multigiocatore di Kingdom Hearts 358/2 Days, Bahamut è il nome di un paio di pistole laser di Xigbar: può essere usata equipaggiando il Pot. Fantasma ④.
    • Nell'edizione giapponese di Kingdom Hearts Re:Coded, i quattro upgrade del keyblade Metalchocobo hanno i suffissi delle quattro versioni di Bahamut apparsi nella compilation di Final Fantasy VII: Neo, Furia, Tremor e Zero.
    • L'attacco Megaflare è presente come abilità in molti dei titoli della serie.